Recensione "Rolling Star" by Paola Zannoner

Estate 1968. Max ha diciassette anni e il desiderio inguaribile di viaggiare. Per lui la vita ha il sapore della libertà, della leggerezza e dell'amore per Bea. Bea bellissima, bionda e luminosa come la Primavera di Botticelli.
Adesso che la scuola è finita - che si sono chiusi i battenti di quella prigione immobile - è arrivato il momento di partire per il sud della Francia. Zaini in spalla, vestiti a fiori impalpabili, la musica di Bob Dylan nel cuore e la voglia di lasciarsi indietro un mondo vecchio, stantio. La loro avventura è costellata di artisti, personaggi ambigui e una compagnia teatrale di hippie. 
E poi c'è David il rivoluzionario, uno che le cose le vuole cambiare per davvero, pronto a mettere in gioco tutto, anche se stesso. David che tira Max fuori dai guai e diventa un prezioso alleato per Bea. Ma il sottile equilibrio su cui si regge il rapporto tra i tre è destinato a spezzarsi e, nella magica, calda estate del '68, tra feste, corse in moto e colonne sonore indimenticabili, Max imparerà che il suo ideale di libertà ha un prezzo. Un prezzo caro da pagare.

Che anno, il '68! E che estate quella a cui ci riporta e in cui ci immerge il romanzo! Fatta di libertà, spensieratezza, ideali, speranza. Un fermento turbolento, terribile, rivoluzionario, violento e doloroso. Un'estate e una generazione che hanno cambiato per sempre il mondo intero.

La storia che Max ci fa vivere in prima persona, attraverso i suoi occhi, pensieri e soprattutto i suoi sensi, può sembrare la storia di chiunque: un quasi diciottenne che festeggia la fine della scuola viaggiando con la ragazza che ama. Ma non lo è; è una storia unica e irripetibile. Perché è l'estate del '68.


Non so se noi che non l'abbiamo vissuta possiamo davvero capire questa soglia epocale così vicina e lontana allo stesso tempo. Eppure quanto del nostro mondo è ancora influenzato dal '68? Quanto la nostra giovinezza è simile e diversa da quella della generazione che ha vissuto quest'unica estate?
Unico, terribile, fondamentale. Il '68 ha sempre avuto un'aurea di mistero per me, che sento ancora di non riuscire a coglierlo. Forse è per questo che non ho saputo resistere al fascino di Rolling Star, che in quell'anno ci catapulta in pieno.
Pagina dopo pagina, ci ubriachiamo e sentiamo sulla pelle il '68, che allo sesso tempo ci sfugge dalle dita. Perché forse non abbiamo più gli occhi, la mentalità, la cultura per coglierlo a pieno. O forse semplicemente non è possibile coglierlo e comprenderlo in ogni suo significato e sfumatura. Perché il punto non è fermarsi a ragionare e interpretare, ma semplicemente viverlo e lasciarsene travolgere.

O questo, almeno, è il modo in cui Max (e noi attraverso di lui) sceglie di affrontare la vita e il mondo intero. Vivendo, amando, lasciandosi andare e inebriandosi. Perdersi nel fiume vitale che gli scorre attorno e che si fa fluire dentro. Un continuo inno all'amore, alla vita, alla libertà. Senza pensare, ma lasciandosi sempre sopraffare e trasportare, assecondando la corrente dell'esistenza. Max, che incontra e si scontra con le infinite ideologie e filosofie in fermento in quel '68.

L'estate di Max è un mondo che non esiste più. O che forse non è mai esistito, se non nell'idillio e nei sogni dei giovani come lui che volevano cambiare il mondo, che l'hanno cambiato, ma forse non come lo volevano.

L'estate di Max è un'estate di libertà, emozioni e sensazioni, di estremi e sregolatezze. Di sogni senza limiti, fantasie e grandi speranze. Un mondo magico, allettante, stupefacente. Un mondo costretto a scontrarsi con la realtà. E lo scontro, come la storia ci ricorda, non può essere leggero né senza conseguenze. Ma tremendo e destinato a far crollare le fondamenta, per far nascere un nuovo mondo sulle ceneri del vecchio.

Perché c'è un motivo se i sogno sono sogni e la realtà è la realtà. Perché c'è sempre un prezzo da pagare, ci sono sempre delle conseguenze, e anche Max dovrà scoprire e accettare le regole del gioco.
E forse è perché non ho vissuto il '68 che queste regole le accetto anche io, e credo nel giusto equilibrio tra sogno e realtà.
Ma come sarebbe il mondo senza il '68?
Buona lettura!


Commenti

Letture del mese

Recensione "La principessa che credeva nelle favole" by Marcia Grad Powers

Recensione "13 anni dopo" by Kerry Wilkinson

Gemme di Wattpad: Recensione "Amnesia - Morso Meccanico" by xbondola

Recensione "King's Maker" by Haga & Kang Jiyoung

Segnalazione: SEBASTIANO MARRARO - VA TUTTO BENE

Recensione: Orange Is The New Black - Stagione 6