Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2018

Recensione: Americanah

Immagine
"I did not think of myself as black and I only became black when I came to America."
                                                                                                                            -Ifemelu
Trama:

Ifemelu, dopo aver raggiunto il successo in America, decide che è arrivata l'ora di tornare in quella che ha sempre sentito come la sua unica casa, la Nigeria. Se da una parte le è difficile mollare la sua vita americana, dall'altra è felice di rivedere chi si è lasciata indietro. Certo, è anche un po' agitata, soprattutto all'idea di rincontrare l'amore della sua vita, Obinze.

Recensione:

Americanah
è un romanzo del 2013 scritto da Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana che vive da molto tempo in America. Avrei voluto leggere qualche intervista all'autrice prima di pubblicare questa recensione, però non ho trovato nulla se non cose inerenti al femminismo e al razzismo -che, comunque, ho molto apprezzato e vi consiglio-.
Par…

Recensione "Queer Eye"

Immagine
Queer Eye: More Than a Makeover è una serie originale di Netflix, creata come reboot di Queer Eye for the Straight Guy, una reality television series lanciata sul canale americano Bravo ben quindici anni fa. Sulla carta il programma (sia nella versione originale che nel reboot) è molto facile: un individuo che deve affrontare un particolare momento della propria esistenza viene segnalato al programma (da amici, parenti, ecc.) per un restyling che non riguarda solo il look, l'arredamento e le abitudini poco sane, ma che diventa l'inizio di un vero e proprio percorso di crescita. A occuparsi del makeover sono i Fab Five: cinque uomini apertamente gay, ognuno esperto di un ambito specifico (moda, cucina - nella serie originale: stile -, cura del corpo, interior design e cultura).
Come chiaro già dal nome, Queer Eye for the Straight Guy si rivolgeva soprattutto a uomini etero, anche se ne venne poi realizzato uno spin-off in versione femminile. La serie ebbe molto successo e riceve…

Recensione “Il segreto di mia madre” by Sheila O’Flanagan

Immagine
Trama: Quando Steffie, con l'aiuto dei due fratelli, decide di organizzare una festa per il quarantesimo anniversario di matrimonio dei genitori, la sua unica preoccupazione è che il padre e la madre siano contenti della sorpresa. Quello che però non può neanche immaginare è che proprio in quel giorno di festa il loro intero mondo rischierà di essere stravolto. Sua madre Jenny, che per anni ha tenuto nascosto un terribile segreto, ha infatti deciso che il momento di svelare il terribile peso che porta nel cuore è ormai giunto, anche se portare alla luce la verità vorrà dire creare scompiglio nella sua solida e felice famiglia. La ricorrenza del suo matrimonio sarà sì un giorno indimenticabile per i suoi cari, ma non certo per le ragioni che Steffie e i fratelli immaginavano...
Care lettrici e cari lettori, finalmente anche la vostra Mil Palabras è tornata a scrivere! Per la prima recensione della nuova stagione, mi sono tuffata nella verde e piovosa Irlanda, con un romanzo di S…

Novità Rizzoli e Fabbri

Immagine
Novità Rizzoli e Fabbri ragazzi in libreria dal 25 settembre 2018
DOPO FRIDA KHALO, COCO CHANEL, AUDREY HEPBURN, AMELIA EARHART, AGATHA CHRISTIE E ADA LOVELACE TORNA LA COLORATA SERIE DEDICATA A INDIMENTICABILI PERSONAGGI FEMMINILI Maria Isabel Sánchez Vegara
Illustrazioni diMarta Antelo, Alessandra De Cristofaro, Katie Wilson e Frau Isa PICCOLE DONNE GRANDI SOGNI
ROSA PARKS – DIAN FOSSEY – JANE AUSTEN – MARIE CURIE
Una scienziata, un’etologa, una scrittrice e un’attivista per i diritti umani: quattro icone che hanno inseguito il loro sogno di bambine, a ogni costo, fino al successo

Recensione: La mia vita da Zucchina - Libro e Film

Immagine
"È da quando sono molto piccolo che voglio uccidere il cielo, per colpa della mamma che mi dice sempre: -Il cielo, Zucchina mia, è grande per ricordarci che noi, qua sotto, non siamo un granché [...]"
 - Icaro, detto "Zucchina"

Trama: 
Il piccolo Icaro, soprannominato "Zucchina", vive con la madre, depressa perché abbandonata dal suo compagno per un'altra. La donna passa tutto il suo tempo a guardare il televisore bevendo birra e non prendendosi cura di suo figlio. Un giorno, per errore, Zucchina uccide la madre e viene affidato alle cure di un orfanotrofio. Qui, il bambino imparerà per la prima volta cosa voglia dire essere amato.

Recensione: 
Questa recensione verrà divisa in due parti: la prima si occuperà di analizzare l'opera di Gilles Paris, la seconda sarà dedicata prettamente all'adattamento cinematografico di Claude Barras.
Premetto che entrambe le versioni sono vincenti, pur essendo un po' diverse.



Il libro

Io adoro la letteratura pe…

Blog Tour - Dark Zone: Intervista Doppia

Immagine
Intervista doppia - L'Assassino che Donava Girasoli ai Cadaveri di Giorgia Vasaperna

NOME.

J.: Julia Evans. 
K.: Khoa Sullivan. 

SOPRANNOME.

J.: Jey o July. 
K.: Di solito, July mi chiama “Sullivan”. Vale lo stesso? 

ETÀ.

J.: Diciotto.
K.: Diciotto anche io. Siamo coetanei. 

RAPPORTO CON L'ALTRO SESSO.

J.: Vado d’accordo con i ragazzi. 
K.: Le ragazze sono pazze di me! 
J.: Non ti montare la testa, Sullivan. 
K.: Lo sai anche tu che sono irresistibile. Dai, ammettilo. 
J.: Io non ammetto un bel niente, sbruffone!

LA TUA DONNA IDEALE.

J.: No comment. 
K.: Non posso parlarne nemmeno io. Complicherei le cose. 
J.: E con chi? 
K.: S-stai zitta! 

COLORE PREFERITO.

K.: Nero. Mi sta bene addosso e rende tutto più misterioso. 
J.: Lilla. Esprime malinconia.

CIBO PREFERITO.

K.: Il pollo che prepara mio padre. Mi ricorda tanti bei momenti della mia vita.
J.: I muffin al cioccolato che preparavo tempo fa. Adesso, non ne ho più tanta voglia.

DI QUALCOSA ALL'ALTRO.

K.: Ti voglio bene, Evans. 
J.: Anche io, Sulliva…