Recensione serie tv: Hanna (no spoiler)



L'altro giorno ho finito,Hanna la nuova serie di Amazon...ma non è una vera e propria novità. Circa 5 anni fa infatti era uscito il film che portava in scena la stessa storia.
Hanna - serie tv
Una strana ragazzina letale cresce in una foresta col padre, cercando di scappare dalla Cia che bussa comunque alla porta di casa, e la conduce a lasciare l'isolamento scappando per il mondo.

Hanna nel film era davvero strana o meglio un essere umano che di umanità poca ne aveva conosciuta e di conseguenza non sapeva relazionarsi con altri o non trovava strano uccidere a sangue freddo qualcuno. Ma ci stava. Insomma se dalla nascita ti mettono sullo stesso piano sbucciare patate e squartatore capretti ci sta che poi va a finire così.
E il film era crudo, ma allo stesso modo in grado di sottolineare tale aspetto facendoci comprendere che quella era l'essenza di Hanna e non ci si poteva far nulla. Si arrivava ad apprezzare il film proprio perché non cercava di indottrinarci a pensare che posta in uno contesto differente dalla foresta Hanna sarebbe stata una ragazza normale...cosa che invece la serie TV fa.
Hanna - film
Ovviamente avendo più tempo a disposizione la serie riesce a dare spazio a tanti dettagli che nel film erano stati necessariamente sacrificati. Il modo in cui mettono a fuoco la storia di Erik, il padre di Hanna, è eccellente, con tutte le sue sfumature e decisioni che lo portano ad essere la figura che è per la ragazza. Nel film passava molto in secondo piano, accentuandosi molto di più sullo scontro tra Hanna e Marissa, un'agente della Cia che da loro la caccia da sempre.
Mireille Enos(Marissa) regge bene il confronto con Cate Blanchett, ma Esme Milles (Hanna) non altrettanto.
Non è possibile che stiamo osservando una situazione di vita o di morte, o durante un inseguimento che la Hanna della serie TV sembri sempre appena scesa da una passerella. O hanno scelto un'attrice che per quanto brava è troppo bella o non l'hanno resa abbastanza realistica.
Hanna - serie tv
Saoirse Ronan (Hanna del film) la si vedeva ferita, scompigliata, sporca e dava davvero l'idea di essere un animale ferito, non capito e braccato.
L'Hanna che ci mostra Amazon è una ragazza che vorrebbe ad ogni costo vivere nel nostro mondo,
che ha le potenzialità per farlo, ma ha davvero poco tempo per adattarsi e conoscere quanto accade fuori della sua foresta prima che torni ad essere inseguita.
Mettiamola così, quando si guarda un film o una serie per quei minuti in cui ci troviamo dinanzi allo schermo noi siamo portati a credere che sia vero quello che ci viene mostrato, che da qualche parte in un mondo alieno come in una foresta sperduta ci siano i personaggi che vediamo. Il film riusciva benissimo in questo intento, nella serie ci riescono Erick e Marissa, ma non sempre Hanna.
Oh, mi sono innamorata della colonna sonora della serie, ci sono delle canzoni calzanti soprattutto per le scene d'azione.






Commenti

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione "19 Days" by Old Xian

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione: Il club dei perdenti

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Segnalazione: IL NUOVO LIBRO DI JOHN BOYNE - MIO FRATELLO SI CHIAMA JESSICA