Recensione: The game

Trama
Cece ha tredici anni e nessuna voglia di andare a vivere con la madre, che non vede da un sacco di tempo e che per lei è praticamente un'estranea. Ma suo padre deve trasferirsi in America per lavoro e così lei si ritrova catapultata in un piccolo paese, dove i suoi compagni di scuola si conoscono fin dall'asilo, tutti sanno tutto di tutti e non c'è molto da fare per salvarsi dalla noia. Ma la tranquillità è solo apparente. Cece nota infatti che a scuola accadono cose strane, scherzi di cattivo gusto che sconfinano nella violenza, atti insensati di cui non si conosce l'autore... E comincia a sentir parlare di un terribile gioco, in cui i suoi compagni sono coinvolti e a cui finirà per dover obbedire anche lei. Un gioco mosso dalla vendetta, dominato dal terrore. Dove l'unico modo per vincere è avere il coraggio di cambiare le regole.

Recensione

Quando ho iniziato questo libro, mi aspettavo qualcosa di totalmente diverso; posso dire sia stata una sorpresa dall'inizio alla fine. 
Il tema principale è il bullismo, affrontato in una maniera fantastica che però sembra plausibile, con un impronta narrativa che ricorda molto "IT" (anche se in questo caso il volume è piccolo e veloce) o la serie Tv "Stanger Things" (senza alieni), pur restando comunque molto originale. 

L'idea di questo libro è di Francesca Carbotti, sviluppata poi da Lucia Vaccarino e Davide Morosinotto attraverso il contest "Ce l'hai una storia?". 


Lo stile è semplice e di facile comprensione e aiuta il lettore a immedesimarsi in una situazione ai limiti dell'assurdo che riesce però a non entrare nell'irrealtà. 
I personaggi sono degli adolescenti che prendono di mira o vengono presi di mira da "Un gioco" che parla attraverso la loro mente. Ogni partecipante ha un marchio riconoscibile, una goccia, e chi si ribella o parla del gioco viene perseguitato. 
Il lettore grazie all'aiuto della protagonista, Cece, prende appunti e fa riflessioni per scoprire "chi" o "cosa" sta manipolando la mente dei suoi compagni di classe.  

I personaggi di "The game" vengono descritti e analizzati molto grossolanamente, ho trovato però questa scelta azzeccata visto che alla fine non è il loro aspetto o carattere il punto importante della storia. La cosa importante è il tema che viene trattato, ovvero "Il bullismo" e l'utilizzo di una tecnologia che porta le persone a estraniarsi tra di loro e fare "branco" contro le persone "fragili" o "diverse". Il gioco è quindi solo un modo per analizzare un fenomeno che sta devastando la nostra società e la mente di futuri adulti che, segnati da passate esperienze, diventeranno instabili o pericolosi ( anche se questi sono episodi estremi). 

Nonostante quindi "The game" sia molto semplice, mi è piaciuto e mi ha fatta riflettere su alcuni episodi della mia vita e mi sento quindi di consigliarlo ai giovani che stanno attraversando un brutto periodo e sono alla ricerca di una lettura leggera e riflessiva e ai meno giovani che hanno capito di cosa stiamo parlando. 
-CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Recensione "Warm Bodies" by Isaac Marion

Recensione "La gemella sbagliata" by Ann Morgan

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione “La melodia delle piccole cose” by Carlotta Pugi

Recensione "Il Cuore Dello Sposo" by Elisa Costa

Recensione “Se tu vai via, porti il mio cuore con te” by Silvia Gianatti