Recensione Luisito, una Storia d'Amore - Susanna Tamaro

TRAMA:

Anselma è una anziana ex insegnante ormai in pensione, vedova e pressoché sola - tranne che per una telefonata al giorno effettuata dal figlio o dalla figlia a turno, i quali provano sempre e comunque a farla assistere da una badante - che vive la propria vita tranquillamente. Quando un giorno trova un pappagallo nella spazzatura, decide di portarlo a casa con sé e di chiamarlo Luisito. Inizia così la storia di Anselma, intenta a curare la bestiola e cercando di uscire da quella cristallizzazione del tempo in cui si è volontariamente rinchiusa. 



***

Album in Riproduzione: LP - Lost on You [2016]

Riallacciamoci alla prima recensione al buio, fatta ormai più di un mese fa, tralasciando quindi i classici appunti sull'autore, poiché il libro che andrò a recensire oggi è di Susanna Tamaro. Ripeto, per chi l'avesse perso, non amo i libri di quest'autrice anche se Cuore di Ciccia a suo tempo mi piacque abbastanza. Questa settimana è il turno di Luisito, una storia d'amore. Il libro in sé ha poco più di cento pagine, è scritto anche piuttosto in grande ed il formato è abbastanza piccolo perciò per i miei standard sono state pochissime ore di lettura, forse una soltanto. Fortunatamente però, questo libriccino è estremamente coinvolgente (nonché commovente a tratti) fin dalle prime pagine, fin dal momento in cui Anselma trova il pappagallo nella spazzatura e sceglie di tenerlo con sé. I numerosi flashback della vita dell'anziana sono il contorno di questa storia fantastica, andando a dare indizi su indizi per spiegare la strana fissazione che Anselma ha verso l'animale. Così come in Cuore di Ciccia, la protagonista ha un parente che vuole spingerla a fare ciò che vuole lui, in questo caso i figli, che danno più l'impressione di volersene sbarazzare piuttosto che tentare di trovare una soluzione per farla star meglio. L'arrivo di Luisito viene visto come una liberazione, un ritorno alla giovinezza e soprattutto uno "scongelamento" dalle abitudini che aveva preso Anselma. I due instaurano un affetto un po' morboso, ma sicuramente invidiabile poiché è realistico. Le fissazioni di Anselma per la sicurezza del pappagallo sono le stesse fissazioni che ognuno di noi potrebbe avere per la sicurezza del proprio animale domestico, tutte le sensazioni descritte mano a mano che passano i giorni ed il lento ma incessante mutamento che Anselma compie, sono descritte molto bene, lasciando il lettore stupito e coinvolto fino alla fine. In conclusione, anche Luisito non mi è dispiaciuto come libro, sebbene sia molto molto corto, insomma una lettura abbastanza godibile. 

~Newt



Commenti

Letture del mese

Recensione "Once Upon A Zombie - Il colore della paura" by Billy Phillips e Jenny Nissenson

Recensione "The Dark Hunt - Il Tempio degli Abissi" by Julia Sienna

Recensione "I figli della tempesta" by Francesca Noto

Recensione "Piccante e delizioso" by Anna Grieco e Alexia Bianchini

Review Party: "Dream hunters - Il ponte illusorio" by Myriam Benothman

Blog Tour - Ad ogni costo