Recensione - Alla Ricerca di Dory.

Zitto e nuota, | nuota e nuota, | zitto e nuota | e nuota e nuota. | Che si fa? | Nuotiam, nuotiam!


Dopo un anno dal salvataggio di Nemo e dall'esperienza che ha cambiato le loro vite, Marlin e suo figlio accolgono calorosamente Dory sulla barriera corallina. Ma presto un'altra avventura sta per sconvolgere la loro quotidianità. Improvvisamente, quando Dory inizia ad avere dei ricordi sui suoi genitori, parte insieme ai due amici alla loro ricerca, in quanto crede e spera che dopo tanti anni la stiano ancora cercando. Era molto piccola quando accidentalmente si separò da loro, e questo viaggio la condurrà al prestigioso Parco Oceanografico della California: un grande acquario  casa di molte specie di pesci che è anche un centro di riabilitazione. Per riuscire a trovare sua madre e suo padre, Dory chiederà aiuto ai tre abitanti più stravaganti del parco: Hank, un irascibile polpo che tenta continuamente la fuga, Bailey, un beluga convinto di avere un sonar difettoso, e Destiny, uno squalo balena miope. Esplorando con destrezza le complesse regole del Parco Oceanografico, Dory e i suoi compagni di avventura scopriranno l'amicizia, il senso della famiglia e la magia che si cela nei loro difetti.

Se come me avete amato Alla Ricerca di Nemo correte a vederlo! 
Ovviamente si tratta di un film d'animazione e per questo è considerato per bambini, ma la maestria con la quale è stato tirato su questo film...beh tanto di cappello! Vi anticipo già la mia intenzione di aggiudicare alla pellicola quattro specchi e mezzo, e non prende pieni voti per una sola ragione: è durato molto poco, mi sarebbe piaciuto qualche minuto in più insieme ai miei protagonisti preferiti.
Dal 2003 a questa parte ho rivisto moltissime volte Alla Ricerca di Nemo, tanto da saperlo a memoria e fortunatamente questo sequel non mi ha delusa. 
Non mi dileguo troppo altrimenti rischio di inserire qualche spoiler senza neanche pensarci. Volevo solo aggiungere il mio pensiero sui nuovi personaggi:
-Bailey: un beluga pieno di paranoie, con i suoi tentativi di far "funzionare" il suo sonar che crede difettoso, ci regala moltissime risate;
-Destiny: si scopre essere un'amica d'infanzia di Dory, insieme da piccola si parlavano attraveso dei condotti creati dall'essere umano e sarà proprio così che lo squalo balena aiuterà la piccola pesciolina blu e gialla;
-Hank: ci sarebbero da dire molte cose sul polpo rosso che tenta sempre di scappare dal Parco. Vuole vivere in tranquillità e da solo, sa mimetizzarsi con tutto e fa sempre il duro ma in fondo, tutti sanno che ha un cuore d'oro. Le sue battute renderanno la missione di Dory più facile da affrontare.

Che dire, sono rimasta davvero contenta! Vale davvero la pena andare a vederlo.

-wonderful fragment°


Commenti

  1. L'ho visto qualche giorno fa... E sono d'accordissimo con te: é stato spassoso e a tratti (secondo me) dolce dolce... Mi mancavano film d'animazione così ben fatti!

    RispondiElimina

Posta un commento

Letture del mese

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale

Recensione "SteamBros Investigations - L'armonia dell'Imperfetto" by Alastor Maverick e L.A. Mely

Recensione "Legacy of Darkness - Il pentacolo" by Miriam Palombi

Recensione in Anteprima: Time Deal di Leonardo Patrignani

Recensione "Orphan Black"

Segnalazione: Le uscite di giugno de ilCiliegio Edizioni