Recensione South Park - La serie

Risultati immagini per south park


Wow, cartoons are getting really dirty!                           
                                                                            -Stan Marsh

Chi mi conosce sa che South Park, scritto e diretto da Matt Stone e Trey Parker, è la serie animata che più preferisco. Non prevede una fine, non ha una trama lineare o uno scopo da raggiungere: è un po’ come i Simpson, esisterà fino a quando i creatori non smetteranno di divertirsi. Di recente, in occasione del mio compleanno, ho ricevuto in regalo l’ultimo videogioco del franchising –South Park: The Fractured but Whole, che ho già recensito- e da questo evento è nato il bisogno di raccontarvi il mio amore per la serie. Ammetto a malincuore che le ultime stagioni non sono un granché, ma la serie rimane e rimarrà sempre una perla.
Noto spesso che in Italia non c’è un fandom così ampio. Sembra quasi essere un prodotto di nicchia, cosa che in altri paesi non è. Forse è a causa dei temi scottanti che tratta, forse è a causa della sua comicità intelligente e poco populista, fatto sta che oggi voglio convincervi a guardare il primo episodio tramite un elenco di curiosità tecniche e non:

 1) Stone e Parker, nel lontano1997, hanno realizzato i primi episodi con una tecnica definita stop motion utilizzando la cutout animation. Vedo già le vostre espressioni interrogative, perciò traduco: hanno disegnato, ritagliato pezzi di carta/cartoncino e realizzato dei collage per creare la cittadina di South Park e i suoi abitanti per poi fotografarli a passo uno per rendere l’idea del movimento. Non è per niente semplice, ci vuole molta passione per non perdere la pazienza. Quando la serie ha avuto successo il duo è ovviamente passato all’animazione al computer, che è più veloce e semplice. Credo che per un aspirante regista la visione della serie possa essere educativa;
Risultati immagini per south park

 2) I personaggi sono per lo più doppiati da Stone e Parker, tranne qualche eccezione. Soprattutto all’inizio, moltissimi vip hanno accettato di partecipare al progetto. Non ci crederete, ma c’è addirittura un episodio con un cameo dei Korn che parodiano Scooby-doo;

Risultati immagini per south park korn

3) Non è vero che Kenny muore in ogni episodio. So che non è poi così interessante da leggere, ma volevo sfatare questo mito: ad un certo punto, gli autori si sono stufati del famoso tormentone “Oh mio Dio, hanno ucciso Kenny!” – “Brutti bastardi!”. È una cosa che non accade da moltissimo tempo se non in casi davvero, ma davvero eccezionali. Comunque, il motivo per cui veniva sempre ucciso nelle prime stagioni risiede nell'origine del personaggio stesso. Kenny è ispirato a una persona che Matt e Trey conoscono davvero, un loro vecchio amico costantemente in ritardo. Nell'attesa, Matt e Trey si divertivano a inventare storie su come, in realtà, il ragazzo fosse morto;
Risultati immagini per kenny dies


4) Non si capisce mai quello che Kenny dice. Come mai? C'è un motivo: le parole di Kenny rappresentano tutto ciò che in televisione non si può dire. Il cappotto del bambino, mezzo tramite cui il personaggio viene "censurato", è stato ispirato sempre dall'amico di cui vi ho parlato sopra. Anche lui, come Kenny, era poco chiaro quando si esprimeva a causa dell'ingombrante indumento;
Immagine correlata
Non potevo resistere, scusate.
5) Eric Cartman è in cima alla mia lista dei  cattivi meglio caratterizzati. I suoi pensieri e le sue azioni rappresentano effettivamente la parte più oscura del genere umano. In un mondo ideale ci comporteremmo sempre come Stan e Kyle, però tutti abbiamo un po’ di Cartman dentro. L’episodio in cui la sua cattiveria spicca è, secondo me, quello in cui prepara un chili di carne con i cadaveri dei genitori del suo bullo –Scott Tenorman Must Die-;Risultati immagini per scott tenorman must die

6) La famosissima emoticon “XD” ha origine dalle espressioni divertite dei personaggi;
Risultati immagini per south park xd

C’è chi vi dirà di saltare le prime tre stagioni perché sono brutte. In parte sono d’accordo, nel senso che inizialmente potreste annoiarvi per via della narrazione infantile e dell’animazione poco piacevole, però vi assicuro che è meglio guardarle perché a volte si fa riferimento a degli avvenimenti precedenti. Vi perdereste un po’ del divertimento ed è un peccato, no?
Non mi resta che augurarvi buona visione!



-Little Fox

Commenti

Letture del mese

Recensione "Warm Bodies" by Isaac Marion

Recensione "La gemella sbagliata" by Ann Morgan

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione “La melodia delle piccole cose” by Carlotta Pugi

Recensione "Il Cuore Dello Sposo" by Elisa Costa

Recensione “Se tu vai via, porti il mio cuore con te” by Silvia Gianatti