T. Tasso- Ecco mormorar l'onde

Ecco mormorar l'onde
e tremolar le fronde
a l'aura mattutina e gli arboscelli,
e sovra i verdi rami i vaghi augelli
cantar soavemente
e rider l'orïente:
ecco già l'alba appare
e si specchia nel mare,
e rasserena il cielo
e le campagne imperla il dolce gelo,
e gli alti monti indora.
O bella e vaga Aurora,
l'aura è tua messaggera, e tu de l'aura
ch'ogni arso cor ristaura.




Non vi sembra, nel leggere questo madrigale di sentire il mormorio dell'acqua? il frusciare delle foglie? il lieve mugolio degli uccellini, e un aria fresca che sfiora le guance?
A me fa quest'effetto...
Quando leggo questo madrigale sono immersa in tutta la sua atmosfera sensoriale, mi appare di essere lì, in un panorama come quello nella foto, al sorgere del sole.
un madrigale leggero, di versi lievi e ridenti, che descrive con parole azzeccate la sensazione dell'alba, tralasciando la nota amorosa unicamente al gioco di parole dei versi finali, dove la donna cui è dedicato, Laura Peperara, è paragonata al lieve vento dell'alba.
E come la brezza mattutina rischiara il giorno, così Laura conduce l'amore nei cuori aridi.

-Iris-

Commenti

Letture del mese

Libri da Ombrellone- Frammenti da Spiaggia 2.0 [07-08-2017]

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Intervista al figo #2 - Benjamin Carter

Intervista al figo #5 - Kris Parker

Recensione "19 Days" by Old Xian

Recensione "Simon vs the Homo Sapiens Agenda" by Becky Albertalli