Recensione "Contro Natura" by Mirka Andolfo


Contro Natura è l'ultima serie firmata e disegnata dalla famosa fumettista Mirka Andolfo, conosciuta anche all'estero per la sua Sacro/Profano e che proprio con Contro Natura debutta con la Panini Comics.

A metà tra il fantasy, l'erotico e il distopico, Contro Natura ci immerge in un mondo popolato da animali antropomorfi in cui la legge ammette solo l'unione tra individui della stessa razza e sesso opposto. I trasgressori, definiti con sdegno e odio dei contro natura, vengono accusati, rieducati e sufficientemente puniti.
Leslie (la nostra protagonista) è una maialina come tante altre: ama la musica, il sushi, è costretta a fare un lavoro che odia e sta per compiere i fatidici venticinque anni. Sogna una vita diversa; ma non sa ancora quanto i sogni possano essere pericolosi. Soprattutto se popolati da un conturbante lupo bianco, la fonte di tutti i suoi futuri guai.

Ho conosciuto Contro Natura dalle parole entusiaste di un'amica che, dopo averlo letto, era presa dal tipico bisogno di raccontare a chiunque quel qualcosa di epico appena sperimentato. Ben prima della metà del suo racconto mi sono detta decisa che avrei letto quei fumetti. E l'ho fatto, anche se ormai conoscevo perfettamente ogni minima virgola della trama. Ci credete se vi dico che la storia è riuscita ugualmente a incatenarmi, a stupirmi, prendermi ed emozionarmi (anche se in teoria non avevo più niente da aspettarmi)?

Contro Natura strega, incanta, rapisce e lascia senza fiato per milioni di motivi; tra cui, ovviamente, c'è anche la storia coerente e perfettamente costruita e raccontata. E ovviamente è impossibile non notare i fantastici disegni (che rispecchiano perfettamente lo stile proprio dell'autrice, capace di adattarsi a perfezione a generi e narrazioni differenti), impreziositi dai bellissimi colori. Ma non è finita qui.

All'ipnotica trama si accompagnano i tanti personaggi, tutti capaci di lasciare un segno nel lettore, nel bene o nel male. Davvero non apprezzarli (in tutti i sensi) è impossibile. Infine non si possono non citare gli infiniti significati che questa storia può assumere.
Presentando degli animali antropomorfi, Mirka Andolfo riesce a parlarci di tantissimi temi della nostra quotidianità e del mondo di oggi. Il razzismo, l'omofobia, la paura del diverso, le imposizioni culturali, la libertà di scelta, la sottomissione... sono solo degli esempi dei moltissimi spunti di riflessione che l'autrice ci propone. Contro Natura è una di quelle serie che ci spingono a riflettere (quasi) a ogni virgola, che hanno un mondo intero da raccontare.

Per ora sono stati pubblicati solo due volumi ma la storia non è ancora finita e personalmente aspetto impaziente e con grande curiosità di sapere come continuerà (visto anche il suo svolgersi un colpo di scena dietro l'altro). E da brava lettrice e fan incallita, perché non parlarne a chiunque, nell'attesa?
Buona lettura!

Commenti

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione "19 Days" by Old Xian

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Review Party: recensione "La Mano Scarlatta" by Cassandra Clare e Wesley Chu

Recensione drama: Accidentally in love