Recensione: La Danzatrice Bambina

"Adesso più che mai da quando le fiamme l'avevano avviluppata, i conflitti che viveva, interni o esterni che fossero, erano tali che si ritrovava dall'altra parte dello specchio, come nel libro che aveva visto a scuola, Alice nel paese delle meraviglie."

Buon lunedì a tutti da wonderful fragments°. Dopo un colloquio di lavoro, ho deciso di scrivere queste righe per voi.
La storia di cui vi voglio parlare oggi è quella di Zubaida, bambina afghana che diventa vittima delle fiamme. La sua passione è la danza, la musica che si impossessa del suo corpo e la fa volare. Ma a causa di questo tragico incidente ciò non le sarà più possibile, fino a che non incontrerà...l'America. Sopratutto grazie a suo padre che, nonostante le difficoltà dovute al tipo di vita che conducono, non si dà per vinto e affronta ogni situazione inimmaginabile per far sì che sua figlia riceva le dovute cure.
<Quella di Zubaida è una storia di dolore, coraggio, speranza. E di un amore profondo e caparbio che supera tutti i confini.>

La Danzatrice Bambina, di Anthony Flacco. Quando ho provato ad affrontare questo “viaggio” credevo di ritrovarmi fra le mani una grande storia. Abituata a Mille Splendidi Soli e Il Cacciatore di Aquiloni credevo di andare sul sicuro, e invece...
Ho trovato il libro molto pesante, difficile da mandar giù. Poco flessibile. La scrittura di Flacco, a parer mio, è lenta e apatica. La storia in sé (tratta da un episodio realmente accaduto) è avvincente ma l'autore non è stato in grado di rendergli giustizia.
Vi do un consiglio: risparmiate soldi e tempo, non ne vale molto la pena. Non lo raccomando a nessuno, a meno che non vogliate farvi una bella dormita ma non riuscite ad assopirvi.

Con questo “awful book” vi lascio alle vostre cose e ai vostri impegni e chiedo scuse se vi aspettavate un libro migliore.
In ogni caso, fatemi sapere, qua nei commenti o sulla pagina Facebook, cose ne pensate, se avete letto La Danzatrice Bambina e qual è la vostra opinione. Passo e chiudo.


-wonderful fragments°

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini