"Un favoloso appartamento a Parigi" di Michelle Gable

"Voleva soltanto andarsene dalla città.
Quando il capo le si avvicinò furtivo e pronunciò le parole <appartamento>, < Nono Arrondissement> e <una tonnellata di robaccia del diannovesimo secolo>, April pensò subito: <vacanza>. Ci sarebbe stato da lavorare, certo, ma non aveva importanza, sarebbe andata a Parigi. E come sapeva ogni scrittore, poeta, pittore e, sì, anche i valutatori di mobili,era il luogo perfetto per una fuga."

Ciao a tutti/e!
ho aperto la mia recensione con l'incipit del romanzo d'esordio di Michelle Gable edito da Newton Compton.
Il libro mi attendeva sul comodino da un po' di tempo, ma aspettavo il momento e il mood giusto per leggerlo. Avevo bisogno di una storia leggera, ma non troppo, affascinante e coinvolgente ed eccola qui.
La protagonista del romanzo è April Vogt, famosa ed affermata valutatrice di mobili americana che lavora per Sotheby's; è sposata con un uomo bellissimo e ricco. Cosa potrebbe esserci di negativo nella sua vita? Il marito l'ha tradita durante un viaggio di lavoro ed April non riesce a perdonarlo e a fidarsi di lui, la sua vita è stata travolta e ora si trova in una crisi dalla quale non riesce ad uscire. Arriva in suo soccorso il suo capo, Peter, il quale le affida un importante e delicato lavoro da svolgere a Parigi. April non se lo fa ripetere due volte, coglie al volo l'offerta e parte. Qui inizia a collaborare con la filiale francese nell'organizzazione di un'asta nella quale verranno inseriti  mobili e ninnoli vari rinvenuti nell'appartamento di madame De Florian, una famosa demimondaine della Belle Epoque parigina. April, arrivata nell'appartamento, fa conoscenza inoltre con Monsieur Thébault, l'avvocato di madame Vannier, erede dell'appartamento.
Per puro caso, April scopre, tra i vari mobili, i diari di madame de Florian o semplicemente Marthe, nei quali racconta la sua vita, la Parigi della Belle Epoque, i suoi incontri, gli artisti che conosce e frequenta tra i quali il famossisimo pittore italiano Giovanni Boldini. La donna rimane affascinata dalla storia di Marthe, vorrebbe scoprire di più perché mancano molte pagine del diario, e vorrebbe dedicarle un'asta particolare, soprattutto perché intuisce che questa donna non era stata una semplice cortigiana ma qualcosa di più.
La nostra protagonista riuscirà a realizzare tutto ciò? Monsieur Thébault le sarà d'aiuto? Infine riuscirà a ricucire il rapporto con il marito?

Che dire del romanzo? Ne sono rimasta estasiata, veramente! L'ambientazione è eccezionale e la Gable è riuiscita a rendere affascinante e coinvolegente la storia di Marthe. Se amate Parigi, l'arte e la storia, non potete non leggere questo romanzo.
Forse l'unica pecca è il modo di scrivere della Gable, in certi punti un po' pesante e prolisso, ma si può passarci sopra vista la storia raccontata.
Vi lascio il link di un blog nel quale si parla dell' appartamento di madame de Florian e ci sono anche diverse foto:http://leblog1815.blogspot.it/2014/01/this-story-has-been-gleaning-some.html


-Paciuflosa-

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini

Recensione "Sekai-ichi Hatsukoi" by Shungiku Nakamura