RITORNO A COLD MOUNTAIN

Trama:

“Questa stagione è tutta un palpitare di vita. .
ed io ti vedo in ogni cosa.. 
come se tu stessi ancora tornando a casa da me…

È il 1861, Cold Mountain, un piccolo villaggio tra i monti del nord della Carolina, e un amore nasce mentre la guerra esplode.
Il tempo di un bacio, e poi un addio.
L’amore tra Ada e Inman deve cominciare così, tra la lontananza, le lacrime, le armi, la morte, il sangue…
E le loro vite si dividono per tre lunghi anni.
Ada continua a vivere a Cold Mountain con il padre, nella loro fattoria a Black Cove. Una ragazza cresciuta senza la madre e non abituata a svolgere nessun tipo di lavoro pratico.
E la vita non sembra aver disegni più limpidi per lei, difatti in un giorno di pioggia, mentre stava suonando il pianoforte per il padre che sedeva in cortile, quest’ultimo si addormenta, per non svegliarsi più…
Gestire la fattoria, tra il lutto e il non esserne abituata diviene sempre più difficile, finchè in suo aiuto non arriva la burbera Ruby, che contribuirà a portare una svolta nella sua vita.
Nel frattempo al fronte Inman rimane ferito e si ritrova in un ospedale, dal quale riesce  a fuggire, e intraprende un lungo e difficile cammino per ritornare a casa, lottando con le difficoltà del viaggio e i soldati della Guardia Nazionale, che sono alla ricerca di disertori.
Riuscirà a vincere la forza di un amore che vuole sbocciare?

La mia opinione (contiene spoiler):
Questo film mi è piaciuto, belle scenografie, ottima ambientazione ed ottimo cast, difatti vediamo Nicole Kidman nel ruolo di Ada e Jude Law nel ruolo di Inman.
Anche la storia è coinvolgente e scorrevole, nonostante il film sia lungo.
Davvero interessante il personaggio di Ruby a mio parere. Una ragazza burbera ma che nasconde un animo davvero buono, inoltre spesso nel film è responsabile delle risate degli spettatori.
Ho trovato un po’ troppo da favola l’amore tra  Inman e Ada, che nonostante sia il fulcro della storia, lo avrei apprezzato di più se fosse stato più vissuto, mentre invece è un amore soltanto appena sfiorato, e dunque viene meno l’aspetto dell’abitudine di vivere insieme. In questo modo, nonostante non sia questo l’intento del film , il loro amore a mio parera appare mosso da un esplosione iniziale ma non è poi mai vissuto nel profondo.






Titolo originaleCold MountainPaese di produzioneUsa, Regno unito, Romania, ItaliaAnno2003Durata
regia
148 min
Anthony Minghella

-Iris-

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini

Recensione "Sekai-ichi Hatsukoi" by Shungiku Nakamura