Intervista Speciale - Alessio del Debbio: Dark Zone

1) Chi sei? 
Buongiorno e grazie per l’ospitalità! 😊 Sono un viaggiatore di mondi fantastici, che passa da un libro all’altro, vivendo tante avventure. A volte corro libero nei boschi, con i miei amici lupi, altre volte girovago in città, alla ricerca di leggende metropolitane, altre volte, infine, finisco in qualche mondo fantastico e leggendario, ma non perdo mai la voglia di andare avanti.

2) Perché la scrittura è importante per te?
Scrivere è vivere.

3) Cosa dobbiamo aspettarci da te nei prossimi mesi? 
Allora, sarà un autunno molto impegnato. Sarò presente a varie fiere del libro e del fantastico, sia come autore che come presidente dell’associazione Nati per scrivere. Potrete incontrarmi a Firenze Libro Aperto, alla Fortezza da Basso (dal 28 al 30 settembre, allo stand Nati per scrivere); alla Festa del Libro a Lido di Camaiore (il 6 e 7 ottobre, allo stand Nati per scrivere); a Libri in Baia, a Sestri Levante, nella bellissima cornice della Baia del Silenzio (il 13 e 14 ottobre, allo stand Nati per scrivere); a Lucca Comics (dal 31 ottobre al 4 novembre, allo stand Dark Zone), al Pisa Book Festival (dal 9 al 11 novembre, allo stand Dark Zone). Insomma, tanti eventi, tante occasioni per parlare di libri, incontrare lettori, amici e divertirsi!

4) E nei prossimi anni? 
Oh mamma! Nei prossimi anni spero di continuare a scrivere, a leggere, a divertirmi creando mondi, partecipando a eventi e incontrando nuovi lettori e appassionati di libri e di fantasy. ^^

5) Cosa fai quando non scrivi?
Eh, bella domanda. Leggo, correggo, rileggo, continuo a correggere. Poi mi occupo di gestire le attività della mia associazione Nati per scrivere, dove curo laboratori di scrittura creativa, nella zona della Versilia, e organizzo incontri letterari con scrittori locali. 

6) Un libro che vorresti aver scritto tu e perché?
Ce ne sono tanti. Direi Albion, di Bianca Marconero, perché adoro la materia di Britannia e anch’io da tempo avevo una mezza idea in testa di adattarla a un’ambientazione contemporanea. Lei, sicuramente, lo ha fatto meglio di me! ^^

7) Quale personaggio dalla tua penna ami di più? 
Amo un po’ tutti. Direi Ulrik, perché è un gran figo, ma soprattutto rappresenta la parte più irrazionale dell’animo umano. Lui fa quello che vorremmo tutti fare, dice quello che pensa, se ne frega delle regole e dell’autorità, senza peli sulla lingua. Ecco, una volta tanto, a chi non piacerebbe essere come lui? Libero e fiero.

8) Cosa ti aspetti dai blog? Come autore ti affidi al loro operato? Come lettore dai credito alle recensioni?
Credo di avere un buon rapporto con i blog, che contatto ogni volta che esce un mio libro o per segnalare qualche evento o rassegna organizzato dalla mia associazione. Mi piace leggere gli articoli, anche quelli strani e bizzarri, tipo interviste doppie o approfondimenti.
Alle recensioni do il giusto credito, senza esagerare. Alla fine ognuno ha i suoi gusti, come è giusto che sia, e non decido di non leggere un libro soltanto perché a un blog non è piaciuto. Mi affido sempre all’istinto e alle mie sensazioni.

9) Un saluto per i nostri lettori?
Woof!

-CuorediInchiostro

Commenti

Posta un commento

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione "19 Days" by Old Xian

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Review Party: recensione "La Mano Scarlatta" by Cassandra Clare e Wesley Chu

Recensione drama: Accidentally in love