STORIE DI CRONOPIOS E DI FAMAS




Trama:
Tradotto da Einaudi nel 1971, questo libro è tra i più significativi dell'intera produione di Cortazar, quello in cui una lettura morale della realtà contemporanea assume le forme di apologo tanto preciso quanto elegante. Il libro trovò uno dei suoi sostenitori più attenti in Italo Calvino, il quale ebbe a presentarlo con queste parole: "I cronopios e i famas, due genie d'esseri che incarnano con movenze di balletto due opposte e complementari possibilità dell'essere, sono la creazione più felice e assoluta di Cortazar".

La mia opinone:
Questo è il primo libro che leggo dell’autore Julio Cortazàr. È una raccolta di racconti divisi per sezioni. I racconti di Cortàzar sono decisamente astratti ed immaginifici, ma in qualche modo riescono ad essere tangibili.
Alcuni racconti strappano un sorriso, altri una riflessione profonda. Cortazar riesce ad indagare l’animo umano creando un mondo a partire dalle formiche, oppure da esseri del tutto in esistente come i cronopios e i famas.
I cronopios e i famas non si possono spiegare, non hanno una definizione materiale e tangibile, eppure il lettore riesce ad immedesimarsi in loro, a comprenderli, a sapere cosa pertiene ad un cronopio e cosa è senz’altro materia da famas.
Un libro decisamente grande in ciò che racchiude eppure leggero, leggero come i penssieri che riescono a creare realtà.



-Iris-

Commenti

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione "19 Days" by Old Xian

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Review Party: recensione "La Mano Scarlatta" by Cassandra Clare e Wesley Chu

Recensione drama: Accidentally in love