Recensione "La coppia quasi perfetta" by John Marrs


Dimenticate le solite banali app di incontri. Per trovare l'anima gemella, quella vera, non serve altro che un campione di saliva: si tratta di un velocissimo test per scoprire a chi appartiene il tuo cuore, la persona con cui sei geneticamente compatibile.

Dieci anni dopo la scoperta di un gene che ognuno condivide soltanto con un'altra persona al mondo, in milioni hanno fatto il test per trovare il vero amore. Mandy è divorziata e sceglie di sottoporsi all'esame per costruire finalmente la famiglia che ha sempre desiderato; Christopher è uno spietato serial killer con un macabro record da raggiungere; Nick è felicemente fidanzato, ma la sua ragazza lo convince a provare il test per curiosità; Jade, pur essendosi sottoposta all'esame, non è ancora riuscita a convincere la sua anima gemella a incontrarla; Ellie si dedica completamente alla carriera e non ha tempo per l'amore, eppure il risultato del suo test parla chiaro.
Ognuno di loro, dopo aver inviato il tampone di saliva, scoprirà che non è più possibile tornare indietro. Perché persino le anime gemelle nascondono dei segreti. E alcuni di questi sono più scioccanti - e pericolosi - di altri...

La coppia quasi perfetta è un romanzo di 384 pagine. Non è facile definirne il genere, ma viene catalogato come un thriller.
Cinque diversi personaggi si alternano sul palco, cinque individui differenti che vivono vite differenti e si trovano in situazioni differenti. Hanno solo una cosa in comune: tutti hanno fatto il test, tutti sono stati abbinati alla propria anima gemella. E da quel momento la loro vita è destinata a essere sconvolta e a cambiare per sempre.

Uno degli aspetti che più ho adorato del romanzo è che sebbene tutto ruoti intorno alla genetica e alla "predestinazione", ogni azione ed emozione resta una scelta fatta in prima persona da ogni personaggio.
Nessuno è obbligato a fare il test né a vederne i risultati; nessuno è forzato a contattare, conoscere, frequentare o innamorarsi del proprio abbinato. Il test offre solo una possibilità, tutto il resto rimane una scelta. Adoro come John Marrs parla e tratta i sentimenti, le emozioni, i pensieri e le azioni dei suoi personaggi, che diventano specchio dell'umanità intera. Riesce a costruire e a mantenere una profondità che non mi aspettavo.

Un altro degli elementi irresistibili del libro sono sicuramente i tanti personaggi e le loro diverse storie. Ben delineate, coerenti e autonome, le differenti trame si intrecciano per creare un'armonia perfetta, corposa, ricca e divinamente strutturata. I personaggi mettono i brividi da quanto sono reali e da quanto profondamente noi lettori riusciamo a coglierli, conoscerli, comprenderli e sentirli sulla nostra pelle. È davvero meraviglioso, ed è assolutamente impossibile non innamorarsi di ognuno di loro, appassionandosi alle diverse vicende. Soprattutto perché ogni figura e ogni storia diventa per John Marrs occasione per un accurato approfondimento.

Nello stesso romanzo l'autore riesce non solo a strutturare e srotolare trame diverse, a dar vita a numerosi personaggi, indagando le mille differenti sfumature delle emozioni, dei sentimenti, delle azioni, dei comportamenti, dei pensieri e delle scelte umane. Oh no, come se tutto questo non fosse abbastanza, John Marrs non scorda di approfondire e indagare aspetti psicologici, genetici, medici e quant'altro, spiegando in modo chiaro anche i concetti più complessi, e aprendoci mille e più porte sotto agli occhi. Spingendoci a riflettere su ogni riga che scorriamo e su tantissimi temi diversi. E riesce a farlo perché ha alle spalle un grande e accurato lavoro di documentazione. Solo io sto saltando sulla sedia dall'entusiasmo?

A darci il colpo di grazia, rubandoci definitivamente il cuore, è la penna dell'autore. Uno stile chiaro e incredibilmente incisivo, una scrittura che cattura, che fa innamorare al primo sguardo, che crea un'empatia per i personaggi e le loro storie, e una suspance tali che è letteralmente impossibile lasciare il romanzo finché non si è giunti alla fine. La coppia quasi perfetta è un libro che ho bramato con tutto il mio essere, fino a inebriarmene, dopo aver incautamente scorso la prima pagina. Una droga irresistibile, non si può non volerne ancora e ancora.

La coppia quasi perfetta è un libro sconvolgente, stimolante, inquietante, assuefante, adrenalinico, sorprendente, profondo, arricchente... È così tanto che è impossibile quantificarlo. E anche noi, come i suoi protagonisti, siamo destinati a restarne sconvolti.
E voi cosa sceglierete?
Buona lettura!





Commenti

Letture del mese

Recensione "Warm Bodies" by Isaac Marion

Recensione "La gemella sbagliata" by Ann Morgan

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione “La melodia delle piccole cose” by Carlotta Pugi

Recensione "Il Cuore Dello Sposo" by Elisa Costa

Recensione “Se tu vai via, porti il mio cuore con te” by Silvia Gianatti