Come è bella la vita - Articolo sclerotico di una scrittrice che ritrova se stessa

Evadere tramite i libri mi è sempre sembrata la cosa più facile da fare, ma adesso che riesco a gestire me stessa e la mia vita riesco ogni tanto ad uscire e fare qualcosa con altre persone.
L'aver creato questo blog quasi due anni fa mi ha aiutata tanto, essere sommersa di cose da leggere aiuta a sentire il bisogno di compagnia.
Come Frodo del Signore degli Anelli mi sono quindi lanciata all'avventura, nonostante non avessi nessun anello da distruggere; ho fatto una valigia di carta e matite colorate (ammetto di averci messo anche del cibo dentro) e ho camminato per chilometri con persone fantastiche che non hanno nulla da invidiare alla rinomata compagnia (le altezze dei miei compagni oscillavano tra hobbit ed elfi, passando per i nani).
Ho comprato un mucchio di cose, non tutte indispensabili e tra salite in montagna con la macchina e una passeggiata sul lungo-mare, ho ritrovato la voglia di mettermi a scrivere. Vi metterei tutte le fotografie di queste fantastiche giornate ma sono davvero troppe, nel caso vogliate vederle tutte andate sul mio profilo instagram). Sabato 29 Aprile ho passato una giornata
rilassante con la mia dolce metà.
Okay, "ma a noi cosa frega" starete pensando? La Dolce metà si può anche mangiare? No, perchè qui si parla solo di cibo e cultura... ebbene, la propria metà non potete mangiarla (ricordatevi che il cannibalismo è vietato) ma è possibile dividere con lei qualcosa da mangiare (magari si divide la prossima volta... non ho intenzione di cedere la mia crema al caffè.) La mattina ho finito Passenger (come avete visto ho preso subito Traveller" perchè devo sapere come finisce la storia), quindi mi serviva proprio una bella passeggiata con tanto di Happy Meal e sbirciatina alla Mondadori; sono crollata verso le 10 di sera dopo aver impostato la sveglia alle 6 del mattino per il giorno dopo...
Domenica 30 Aprile infatti sono andata con la Metà citata sopra e sua madre a Pietrelcina (dopo aver discusso 3 ore sulla pronuncia corretta del posto). Tra chiese e panorami da favola la mia testolina ha iniziato a sbloccarsi e la mia pelle ad arrossarsi; ho fatto un numero incalcolabile di scalini e sono entrata in tantissimi negozietti tradizionali, ho mangiato del pane morbidissimo e un gelato favoloso utilizzando tutta la memoria del mio telefono per fare le foto. Nel pomeriggio ci siamo spostati a Benevento, la città delle streghe, ma ammetto che nonostante ci fosse il sole le scope in cielo non si sono viste e l'unica strega ero io (T.T).
Abbiamo fatto 1220393049828 pause caffè, cibo e anche aperitivo (no, non ci siamo trasformati in maialini... credo).
Ora voi direte: Hai finito no?
E... no!
Ieri, Primo Maggio, ho preso un treno con mia sorella, mio fratello e una sirena (giuro che lo è, prima o poi riuscirò a provarlo) per andare a Salerno e tra street food, libri, mare e sole (e commesse così adorabili che ti fanno comprare trucchi che in realtà non ti servono), ho fatto un altro giro di foto. Mi sono imbattuta in un corteo medievale con vichinghi/pirati/gitane e in una location rilassante (e la mia pelle si è abbronzata ancora di più). Finalmente ho ripreso la penna in mano e un quadernino dal colore discutibile e ho segnato le prime cose per una nuova storia (grazie anche a questi ragazzi che vedete sopra, i  "Rota Temporis", una Medieval Band spettacolare).
La vita di una blogger è fatta di libri da leggere, telefilm da vedere e scadenze da rispettare... ma anche di piccoli momenti, e grandi persone che rendono le Fantasie molto più Reali. 
-CuorediInchiostro


Si ringraziano:

Chloe 
Maf
LaDolceMetà (e sua madre)
ClipBoy 
IVichinghi 
Voto della giornata: 100/100






Commenti

Letture del mese

Libri da Ombrellone- Frammenti da Spiaggia 2.0 [07-08-2017]

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Intervista al figo #2 - Benjamin Carter

Intervista al figo #5 - Kris Parker

Recensione "19 Days" by Old Xian

Recensione "Simon vs the Homo Sapiens Agenda" by Becky Albertalli