L'amante giapponese di Isabel Allende

Ciao a tutti!
Dopo tempo immemore eccomi con una nuova recensione. Questa volta parliamo dell'ultimo romanzo di Isabel Allende L'amante giapponese.


Ambientato prevalente negli USA, la vicenda si snoda a partire dagli anni Quaranta del Novecento fino al 2010. Nel romanzo troviamo più storie intrecciate tra loro che coinvolgono diversi personaggi; i principali sono: Alma Belasco, Ichimedi Fukuda, Nathaniel Belasco,Seth Belasco e Irina Bazili.
Alma Belasco, ormai ultraottantenne, decide di trascorrere ciò che resta della sua vita a Lark House, una casa di riposo nella periferia di Berkeley. Alma è una donna molto indipendente, vitale e necessita di una segretaria per organizzare la sua giornata. Entra in gioco Irina Bazili, giovane ventitreenne neoassunta a Lark House. Le due donne inziano a stringere una grande amicizia, che le porterà a diventare molto intime grazie anche all'aiuto del nipote di Alma, Seth Belasco. Il ragazzo infatti vuole scrivere un libro che racconti la storia della sua famiglia di famosi avvocati ebrei e chiede aiuto alla nonna e ad Irina per raccogliere il materiale necessario. Durante la sua ricerca, Seth viene a conoscenza di molte aspetti nascosti della vita della nonna: Alma riceve giornalmente delle lettere che prontamente nasconde ad Irina e Seth; inoltre nel suo appartemento a Lark House, tiene la fotografia di un uomo giapponese, che spolvera quotidianamente.
Irina e Seth inziano a sospettare che possa essere l'amante della nonna. Ma chi è veramente quell'uomo? Quale segreto sta nascondendo Alma alla sua famiglia?


Ho letto diversi romanzi della Allende ( Ritratto in seppia, La figlia della fortuna, L'isola sotto il mare) e finora nessuno mi ha deluso. Anche questo suo ultimo lavoro mi è piaciuto molto: la storia è coinvolgente, ben scritta, ricca di colpi di scena e di mistero. Qualche appunto che mi permetto di fare: a volte i salti temporali rendono difficile la compresione della storia e ci sono alcune sequenze, passatemi il termine, "buttate lì", senza molto senso ai fini della storia e senza le quali la storia sarebbe stata bella e avvincente lo stesso ( vedi il caso di pedofilia).
In generale è una romanzo che vi consiglio caldamente. E' una storia d'amore forte, passionale e se non vi piace il genere, passate oltre. :)

Vi lascio con una frase bellissima (che trovate anche sulla copertina del romanzo):

 " Ci sono passioni che divampano come incendi fino a quando il destino non le soffoca con una zampata, ma anche in questi casi rimangono braci calde pronte ad ardere nuovamente non appena ritrovano l'ossigeno"

 Paciuflosa

Commenti

  1. Il libro l'ho letto anche io ed è stato bello constatare che Allende non mi ha deluso nemmeno questa volta! Anche se ho preferito altri titoli rispetto a quest'ultimo...ma rimane comunque un libro che mi ha preso sin da subito! *^*

    RispondiElimina

Posta un commento

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale

News: Hybrid's Legacy Saga - Contest Fotografico