Recensione : Amabili Resti, Alice Sebold.

«Questi erano gli amabili resti, cresciuti intorno alla mia assenza. I legami, a volte esili, a volte stretti a caro prezzo, ma spesso meravigliosi, nati dopo che me n'ero andata. E cominciai a vedere le cose in un modo che mi lasciava concepire il mondo senza di me.»
Amabili Resti (The Lovely Bones) è un romanzo raccontato da Susie Salmon, come il pesce, che viene violentata e assassinata brutalmente (non si tratta di uno spoiler, è ciò su cui si basa la storia). Guarda e protegge la sua famiglia dal cielo, vede tutto ciò che i suoi cari fanno e dicono, alla ricerca del colpevole. Si ritroverà particolarmente legata al padre e ai suoi pensieri, dal momento che costui capirà chi è l'assassino e tenterà di tutto per incastrarlo.
Pubblicato per la prima volta nel 2002, ne è stato tratto anche un adattamento cinematografico. Personalmente parlando, o in questo caso scrivendo, non ho trovato il libro molto coinvolgente, anche se questo parere si distacca molto da quello di altri. Mi è stato suggerito da una persona che lo definì “interessante, commuove e appassiona allo stesso tempo”. Fidandomi, mi ci sono tuffata, cadendo però in piedi (e facendomi molto male). La lettura mi è risultata lenta e disagevole, ho impiegato due mesi per portarlo a termine, nella speranza che migliorasse nel finale. Cosa che, a mio parere, non è accaduta. Quindi, come avrete sicuramente inteso, non è un romanzo che consiglio, così come non consiglio l'adattamento cinematografico. Per essere “meschina”, li ritengo entrambi logoranti. 
PostScrittum: se qualcuno ritiene il romanzo piacevole e ha da contraddire le mie parole, sarei ben felice di iniziare una discussione al riguardo e mettere a confronto varie idee.






-wonderful fragments°




Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini