Recensione Doppia: Il fabbricante di giocattoli di Liam Piper

Recensione: 
“Lasciate che vi racconti una storia su mio nonno…”. È la frase con cui Adam Kulakov, proprietario di una grande fabbrica di giocattoli a Melbourne, in Australia, ama aprire i suoi discorsi ufficiali. E pazienza se il suo stile di vita di seduttore e bugiardo incallito non ricalca propriamente i valori incarnati dal nobile patriarca. Sì, perché suo nonno Arkady – eroe scampato ai campi di sterminio nazisti, fondatore dell’impresa di famiglia e colonna della società – ha davvero una storia eccezionale
alle spalle: quella di un uomo che, sprofondato nel male più assoluto, scopre la sua vocazione costruendo piccoli, rudimentali giocattoli per i bambini di Auschwitz, e così facendo trova la forza per non soccombere. Ma nulla è come sembra in questo romanzo fitto di ombre e di colpi di scena. Sconvolgente, spietato, appassionante, Il fabbricante di giocattoli è la storia di un segreto inconfessabile. Capace di tracciare, in un vertiginoso gioco di rimandi tra passato e presente, un ritratto senza sconti delle ipocrisie, delle contraddizioni, delle calcolate amnesie così tipiche del nostro tempo.

Recensione - CuorediInchiostro
Questo libro non è quello che sembra.
I personaggi, i luoghi, le loro storie e perfino i giocattoli non sono quello che pensiamo in questo libro.
Ho iniziato a leggerlo in maniera un po' distratta, finchè una frase non mi ha catturata. Ho finito il libro in 4 ore ed è stato come ascoltare una storia vera dalla bocca di persone reali. Perchè le vite di Adam, Arkady e Tess, sono vite che potrebbero essere state davvero.
Questo è un romanzo che colpisce tassello dopo tassello, parola dopo parola...
Un romanzo per non dimenticare ciò che vorrebbe essere dimenticato.
I campi di sterminio; gli uomini che tradivano altri uomini; amori che esistono, ma che non ne hanno il diritto in un mondo dove il proprio amico diventa il tuo assassino.
Il fabbricante di giocattoli è la storia di una famiglia con mille e più segreti che non devono essere rivelati. 
-CuorediInchiostro





"Lasciate che vi racconti una storia su mio nonno...". Un incipit, una storia con i fiocchi. Due epoche, presente e passato che si incrociano raccontando pochi personaggi, freddi e forse un po' ignobili. 
Liam Pieter ha voluto parlarci di un evento storico drammatico (che forse non è abbastanza come parola). Attraverso una bambola, una celebre bambola che appunto collega le menti dei personaggi fra passato e presente, l'autore ci fa entrare nelle loro vite. Il Fabbricante di Giocattoli parla dell'Olocausto, di come questa parte di storia stia ancora strascicando le deviazioni etiche e civili, e come mai smetterà di farlo. Eventi che hanno segnato per sempre l'umanità di Arkady, e di conseguenza quella di tutta la famiglia. Un nipote carismatico che adesca le adolescenti e una donna insoddisfatta di se stessa che cerca di porre rimedio ai suoi rimpianti. Ed è attraverso di loro, che il lettore non può staccarsi dalle pagine di questo romanzo. La fine di una necessita subito l'inizio della seguente. Emozioni e colpi di scena inaspettati. 
Consiglio questo libro con il cuore, e vi consiglio di leggerlo con il vostro cuore. Riflettete sul presente e non dimenticate il passato. Una storia come questa non può che arricchire la vostra umanità.

-wonderful fragment°

Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale