Dark Zone- Giornata autore: Intervista Doppia per Francesca Noto


NOME.
L. Lea.
S. Sven... anche se una volta mi chiamavo Ansgar.

SOPRANNOME.
L. Runa bianca. E anche Valkea, che da quello che ho capito significa “Bianca”, pure quello. Insomma, tra Waerne e Fjandar si sono fissati con questa storia, non è colpa mia!
S. Fenice... i Waerne me l’hanno ripetuto così tante volte che comincio a crederci...
(N.d.R.: Sven tossicchia, accennando un sorrisetto imbarazzato che fa ridacchiare Lea)

ETÀ.
L. Quasi 24.
S. Uhm... non lo so di preciso. Più o meno 26. Brutta cosa, l’amnesia...

RAPPORTO CON L'ALTRO SESSO.
L. Un po’ complicato... Le emozioni del partner tendono a diventare un problema imbarazzante, quando sei “graziata” da un’empatia fuori dal comune... Poi trovi la persona giusta, e va tutto al suo posto.
S. Ah, io sono stato fortunato: la prima ragazza per cui mi sono preso una cotta dopo aver perso la memoria era la persona giusta!
(N.d.R.: Lea soffoca una risata e diventa di fuoco)

IL TUO UOMO IDEALE.
L. Eccolo lì! (N.d.R.: indica Sven)
S. Il mio uomo ideale? Ma siamo sicuri di questa domanda? No, perché Ash è figo, mica no, insomma, sai, il fascino del berserkr e tutto questo genere di cose, ma non è il mio tipo, giuro...
(N.d.R.: Lea rischia di cappottarsi dalla sedia dal ridere)

COLORE PREFERITO.
L. Il blu... mi rilassa.
S. Non ci ho mai pensato. Credo in generale i colori caldi.

CIBO PREFERITO.
L. (N.d.R.: guarda Sven) ...Taco Bell?
S. (N.d.R.: ride) ...Taco Bell!

DI’ QUALCOSA ALL'ALTRO.
L. Sei la cosa più incredibile che mi sia mai capitata.
S. Sei la cosa che riesce a farmi imbarazzare più velocemente di qualsiasi altra.

TRE AGGETTIVI PER DEFINIRE L'ALTRO.
L. Eroico... altruista... e con un insano senso del martirio. Lo so, non era un aggettivo ma non sapevo come altro dirlo!
S. Direi: coraggiosa, decisa e... complicata (N.d.R.: ride all’occhiataccia di Lea).

UN LUOGO A CUI SEI MOLTO LEGATO.
L. Everglades, in Florida: lì sono stata concepita, e lì, in qualche modo, dovevo tornare.
S. New York, il luogo dove di fatto sono morto... e ho ricominciato a vivere. 
BEVANDA PREFERITA.
L. Quell’energy drink che sa un po’ di fragola e un po’ di non-so-cosa...
S. Caffè, rigorosamente americano.

BEVANDA ALCOLICA PREFERITA.
L. Daiquiri alla fragola.
S. Birra chiara. Banale, lo so... saranno le origini!

GIORNO O NOTTE.
L. Alba. Oppure tramonto.
S. Giorno. Con la notte ho qualche problema di incubi.


FAI UN SORRISO.
Lea arriccia le labbra in un sorriso allegro e selvatico, che le pianta due fossette nelle guance e fa balenare gli incisivi piccoli e dritti. Quanto a Sven, quando gli si sollevano gli angoli delle labbra, è come se una strana luce gli riverberasse negli occhi di un blu profondo in modo quasi inquietante. Un sorriso un po’ troppo intenso per sostenerlo.


SALUTA L 'ALTRO.
L. See you later, alligator...
S. In a while, crocodile!
(N.d.R.: meglio chiudere, prima che comincino a pomiciare come due liceali!!!)

-CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale