Recensione film: The Maze Runner - Il Labirinto & La Fuga

In questi giorni è uscito nelle sale il secondo capitolo della saga distopica Tha Maze Runner. Ho avuto la possibilità di vederlo ieri al cinema e, anche se non ho letto i libri (giuro che lo farò) sono stata rapita dai film quindi eccovi trama e recensione di The Maze Runner- Il labirinto e The Maze Runner - La fuga.


Recensione: Il Labirinto 
Ho gustato il primo film sul mio divano, al sicuro nella mia casa ... io sono un tipo molto pauroso e facilmente impressionabile ma amo i misteri e la paura mi piace alla fine.
La prima cosa che vediamo è un ragazzo che sale con un'ascensore e non sappiamo dove stia andando o come si chiami. Quando scopriamo che neanche lui lo sa e facciamo la conoscenza con gli altri radurai e con la radura, tiriamo un respiro di sollievo e cerchiamo si seguire la trama.
Conosciamo Thomas , ma solo quando lui si ricorda di essere Thomas;  conosciamo il capo, Alby, ovvero il primo ragazzo arrivato nella raduna; Chuck, che ci fa tenerezza e ci fa ridere; Newt, il secondo in comando ( che io personalmente Shippo intensamente con Thomas) ; Minho il velocista, asiatico e veloce ( uno spettacolo per gli occhi) .
Piano piano iniziamo ad affezionarci ai ragazzi, al loro modo di vivere e tutto sembra calmo finché uno dei ragazzi non cerca di attaccare Thomas e qui scopriamo che il perimetro del labirinto è sorvegliato da mostri chiamati Dolenti e che porte che separano il labirinto dalla radura si aprono ogni mattina e chiudono ogni sera , ogni giorno un settore diverso.
Una sera Minho e Alby fanno tardi e non riescono a tornare nella radura così Thomas si lancia nel labirinto poco prima che le porte si chiudano. Alby e ferito, Minho si nasconde dai Dolenti e Thomas si ritrova faccia a faccia con quei mostri riuscendo perfino ad ucciderne uno.
Poi arriva Teresa ... e quella o la odi o la ami.
Io la odio.
Ha l'aria di una che deve essere rinchiusa in manicomio e dice di conoscere il nostro Thomas ( bhe si, ne frattempo è diventato il nostro Thomas , volete negare che nessuna di voi sia sposata segretamente con O'Brian?) .
Della trama ho già detto troppo, passiamo al mio parere: la storia è interessante e l'ambientazione molto suggestiva ma sarà che non l'ho vista al cinema, non ha fatto presa su me più di tanto. Alla fine ho pensato è un bel film ma niente di più, non sentivo il desiderio di saperne di più e non ho aspettato con impazienza il secondo, come invece è successo con il film di Hunger Games, i mesi che precedevano quindi l'uscita della Fuga sono stati assolutamente normali, anzi ammetto di avere avuto l'ansia da "Ma sto film di Fallen ( Lauren Kate) quando cippa esce?

Il mio voto quindi per il primo capitolo è:





Recensione: La fuga
Visto al cinema ieri.
 Sala piena di persone di ogni età, gente proveniente da ogni Fandom possibile e immaginabile , tensione alle stelle.
Già l'attmosfera diversa mi ha messo addosso ansia ed eccitazione; ero con mia sorella e le mie migliori amiche, zaini pieni zeppi di cose da mangiare , mi sentivo felice come non succedeva da molto quindi mi sono detta: diamo un'altra occasione a questo film.
*si spengono le luci*
I nostri radurai , quelli che sono sopravvissuti, corrono verso quella che pensano sia la salvezza e in quel momento io vengo rapita completamente dal film, non riesco a staccare gli occhi dallo schermo: le ambientazioni, la trama, i colpi di scena non mi danno un minuto di pausa.
Non dico troppo perché probabilmente molti di voi non l'avranno ancora visto ma ho riso, ho pianto e ho trattenuto il fiato durante il film e sono uscits dalla sala con la voglia di leggere i libri, di sapere di più e dare pane a tutte le domande che mi frullano nella testa.
Thomas è sempre Thomas e i suoi amici sempre pronti a supportarlo; Teresa la odio ancora (se vedete il film mi date ragione) ; gli spaccati ( finalmente vediamo le condizioni delle persone trasformate dal virus) mi hanno fatto paura e stanotte li ho sognati; Brenda ( neanche lei posso dirvi chi è) fornisce al regista un modo per farci capire come il virus può essere rallentato.
I fan del libro si sono molto lamentati e io non vedo l'ora di essere tra loro, fatto sta che senza questo film The Maze Runner non sarebbe mai entrato nel mio cuore.

Voto:





- CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini