Recensione: Cyrano

Trama
Il racconto delle rocambolesche avventure di Cyrano tratte molto liberamente (e un po’ a briglia sciolta*) dal Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand. *Raccontare a briglia sciolta è poco cavalleresco (e un po’ da cavallo).
Cyrano aveva un grosso naso. Cyrano era innamorato di sua cugina Rossana. Ma non osava dirglielo (a causa del suo grosso naso). Fortunatamente Cyrano era un poeta.

Recensione
Cyrano aveva un grosso naso... 
La nostra storia inizia così. 
Un uomo strano fuori, ma meraviglioso dentro. 
Poeta, stratega, paziente e intelligente. 
Cyrano è questo e altro. 

Ci sono quattro aspetti che ho amato alla follia di questa graphic novel, che già nella copertina, elegante e complicata, anticipa un po' quella che sarà tutta la storia:

  1. Le illustrazioni: I disegni sono uno spettacolo. Tanti piccoli quadri che viene voglia di appendere. Il colore predominante è il rosso che da vivido tende a sbiadire e a confondersi alla fine del romanzo. Nonostante io non sia amante poi di questo genere di disegno, ho apprezzato ogni singola linea e pennellata di quest'opera. 
  2. La storia è divertente e triste al tempo stesso; i personaggi riescono a emergere e ad acquisire una propria personalità, nonostante la brevità dell'opera. 
  3. Le note. Ci sono alcune parole che vengono spiegate tramite delle note messe a bordo pagina. Le ho trovate utili e sono morta dal ridere ogni volta.
  4. Gli spunti riflessivi che non mi aspettavo assolutamente in un libro così. 
"La guerra è terribile. La guerra è morte, la guerra è odio, la guerra è paura, la guerra è lacrime, la guerra è rumore. Soprattutto la guerra fa talmente rumore che chi la combatte diventa completamente sordo. Non sente nemmeno più i bambini che piangono."
Ho trovato Cyrano perfetto; una perla del genere che mi sento di consigliare a tutti e a cui regalo con piacere il massimo dei voti.
Mi raccomando: Tenete con voi un pacco di fazzolettini per il finale assolutamente inaspettato e lasciatevi conquistare dai dettagli e dalla profondità di ogni disegno. 

-CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione "19 Days" by Old Xian

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione: Il club dei perdenti

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Segnalazione: IL NUOVO LIBRO DI JOHN BOYNE - MIO FRATELLO SI CHIAMA JESSICA