Recensione: Ti chiamerò papà

Trama
Tanto tempo fa, quando il mondo era ancora giovane, un uomo e un bambino si incontrarono e decisero di viaggiare insieme. Mentre l’uomo cercava l’oro da mettere nella sua valigia, il bambino riempiva il suo zaino di cose segrete. Le cose che l’uomo, quasi senza accorgersi, gli stava insegnando. Una storia tenera e commovente dedicata a tutti i papà e i bambini del mondo.
Recensione
"Dall'interno del tuo zaino guardai il mondo, per la prima volta..."
Oggi, in occasione della "Festa del Papà", vi lascio la mia opinione su un libro che ho letto la scorsa settimana. 

"Ti chiamerò papà" è un volume illustrato che vuole raccontare come è nata questa parola che impariamo fin da bambini. 
Papà, qualcosa di semplice e unico. Una parola così dolce e buffa allo stesso tempo che ci sarà impossibile dimenticarla. 

Leggendo questo libro, piccolino, ma proprio ben fatto, ho sottolineato alcune parti che poi ho letto a mio padre (e non una sola volta). 

Lo stile di scrittura è semplice e  adatto per i bambini, ma si lascia leggere piacevolmente anche dagli adulti,  spiegando a entrambe le categorie che non è padre chi mette al mondo un figlio, ma chi gli regala il mondo. 


L'uomo e il bambino di questo racconto si sono trovati per caso e viaggiando insieme, parlando e camminando si sono legati come fossero padre e figlio. Il discorso finale del bambino mette tanta tenerezza e lascia cadere una lacrima. 
"Vorrei trovare il nome più bello di tutti! Ancora più bello di Oceano e di Luna, persino più bello di Dio e di Cielo. Ho trovato! Ti chiamerò... Papà!"

Ti chiamerò papà, resterà nel mio cuore molto a lungo perché è l'esempio perfetto del mio amore per i libri "da bambini". Molto spesso noi adulti tendiamo a dimenticare o sottovalutare concetti semplicissimi, troppo presi dal nostro grande mondo; libri come questo ci aiutano a tornare un po' più curiosi, un po' più saggi. 
Oggi Papà, prendete i vostri figli e stringeteli forte. Cresceranno velocemente, siate sempre presenti. 
Oggi Figli, se avete la mia età, date il vostro tempo al vostro papà, dategli un bacio e posate quel telefono che tanto vi tiene occupati. Il tempo passa, non dimenticatelo anche voi. 

-CuorediInchiostro

Commenti

  1. Ciao! Ottimo consiglio... sembra una storia semplice ma profonda, davvero per tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente quello che è. Una storia per tutti, che mi ha sorpresa tanto. -CuorediInchiostro

      Elimina

Posta un commento

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione "19 Days" by Old Xian

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione: Il club dei perdenti

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Segnalazione: IL NUOVO LIBRO DI JOHN BOYNE - MIO FRATELLO SI CHIAMA JESSICA