Recensione Tempest - Julie Cross

TRAMA:

Jackson Meyer è un ragazzo speciale, poiché dotato della capacità di viaggiare nel tempo. Quest'ultimo vive una vita piuttosto tranquilla, di famiglia agiata e con un migliore amico disposto ad aiutarlo a capire meglio il proprio potere, con una fidanzata che sebbene non sappia del suo segreto, rimane vicina a lui nonostante il mare di bugie che le racconta per spiegare le sue improvvise sparizioni. Quando una coppia di agenti entrano nella stanza di Holly dopo il rifiuto di Jackson alla richiesta di seguirli, decidono di sparare alla ragazza, Jackson torna indietro nel tempo con la speranza di poter cambiare le cose.



***

Album in Riproduzione: Britney Spears - Blackout [2007]

Onestamente parlando, Tempest me l'aspettavo davvero molto meglio di quello che ho letto. Per questa recensione, partirò dall'esterno (nel vero senso della parola) del libro, per poi andare verso l'interno. In poche parole, a parte la grafica sgranatissima della copertina della quale non comprendo la motivazione, trovo anche che la trama spiegata sul retro non sia esattamente adatta. Mi spiego meglio: la trama che ho riportato qui sopra è quella che io ho scritto come faccio in ogni recensione, scrivendola dal mio punto di vista. In questo libro, viene riportato che Jackson effettua due viaggi nel futuro, che non è esattamente errato... ma avviene pressoché a fine libro! Sempre in quella trama, viene fatta notare una ragazzina in particolare, che compare nelle prime pagine per ricomparire poi soltanto nelle ultime; trovo che questo particolare mi abbia tolto molta della sorpresa che avrei potuto avere procedendo nel libro e scoprendo che quella ragazzina a cui non avrei dato peso altrimenti, non era altro che un personaggio chiave e destinato a ricomparire, così come non mi sarei aspettata che potesse viaggiare nel futuro, poiché fino alle ultime pagine Jackson sembra sprovvisto di questa capacità. Il colpo di scena di queste due novità sarebbe stato a dir poco sconvolgente, a parer mio. Ma procediamo col contenuto: l'inizio è piuttosto intricato, non si capisce molto bene che cosa stia succedendo anche se appare chiaro perlomeno che Holly, la fidanzata di Jackson, non sa assolutamente niente dei poteri del ragazzo. I poteri non sono ben spiegati, ma per questo c'è una motivazione precisa poiché verrà tutto spiegato al meglio nel corso del libro. Forse un po' improbabile il fatto che tutti quanti credano pressoché subito a Jackson quando dichiara di provenire dal futuro, dal momento che se capitasse a me temo chiamerei l'igiene mentale in due secondi. Per il resto, la trama è molto intrigante nonostante quel piccolo problema di cui parlavo all'inizio della recensione, rendendo piuttosto chiaro il motivo per il quale in molti sono interessati al libro. Nonostante tutto però, non è all'altezza di ciò che mi aspettavo dopo tutto ciò che mi era stato detto a proposito del libro. 

~Newt


Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Blood Bank" by Silb

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini