Recensione: Infinito + 1 di Amy Harmon

Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite.

“La strada era poco illuminata.
Non c’erano segnali a fare da guida.
Ma presero la loro decisione.
Se tutte le strade erano chiuse,
Non si sarebbero arresi se non alla morte.”
Bonnie Parker

Bonnie e Clyde sono la coppia di malviventi più famosa di sempre. Hanno attraversato l'America, durante la grande depressione, e commesso azioni illegali. Se fosse solo questo, però, non sarebbero passati alla storia. È stato il loro amore a divenire senza tempo.
Quello che Amy Harmon ci propone è un racconto rivisto, in chiave moderna, di questi due amanti.
Bonnie, in questo caso, è una cantante country, famosissima. Si trova all'apice del successo e allo stesso tempo sull'orlo del baratro.
La incontriamo su un ponte, persa nella nebbia e nel invitante vuoto, a lei sottostante.
A salvarla, non può che essere Clyde. Vi ricorda vagamente qualcosa? Se avete letto "Raccontami il giorno perfetto" di Jennifer Niven, allora siete sulla strada giusta ;)
Tornando a noi, Bonnie è distruttiva, quanto creativa e vivace. Ama vivere, ma deve recuperare quel l'amore, sotterrato dagli avvenimenti dell'anno passato, che l'hanno sconvolta. Ed è troppo fragile per ricominciare, perché è sola.
Non importa che abbia uno staff sempre intorno, un milioni di dollari e stuoli urlanti di fan, lei è una metà.
Copertina originale, molto più sensata.
Anche Finn è come lei. La vita l'ha ingannato e gli ha mostrato la morte, ma la sua voglia di voltare pagina è impellente, dato che pare l'unica via per sbarazzarsi delle sue paure.
Ma cosa accade quando queste ritornano sotto forma di una ragazzina dagli strani capelli, un paio di stivali da cowboy rossi scintillanti e una voce da angelo ?

"«[...]La ragazza che tu credi perfetta non è mai la ragazza perfetta per te. Uno di questi giorni, arriverà una ragazza e, senza che tu te ne accorga, metterà il tuo mondo sottosopra».” Fish Clyde

È odio ed è amore, è ricostruire la propria esistenza, ricercando i tasselli tra gli Stati visitati, ma soprattutto riscoprirsi nell'anima di un'altra persona. Quella che a prima vista crediamo essere la più lontana da noi, per passioni, espressioni o atteggiamenti, ma con cui, senza saperlo, condividiamo già ogni cosa, ancor prima di rivolgerle una sola parola.

“«Quanto fa infinito più uno?»[...]
«Fa sempre infinito», sospirò Finn.
«Sbagliato. Fa due».
«Davvero? E come fai a calcolarlo?».
Indicai Finn e dissi: «Infinito». Poi indicai me e dissi: «Più uno. Fa due, genio».
«Vorrei non averti mai detto come mi chiamo».” Bonnie Shelby


Lost Inside My Universe






Commenti

  1. Ciao! Prima o poi riuscirò a leggere qualche romanzo di Amy Harmon...sembrano molto belli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo era scritto davvero bene, tanto che sono corsa a prendere anche "I cento colori del blu". :)

      Elimina

Posta un commento

Letture del mese

Libri da Ombrellone- Frammenti da Spiaggia 2.0 [07-08-2017]

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Intervista al figo #2 - Benjamin Carter

Recensione "19 Days" by Old Xian

News: Hybrid's Legacy Saga - Contest Fotografico