Recensione Pilot: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

Trama
Quali mostri popolano gli incubi del nonno di Jacob, unico sopravvissuto allo sterminio della sua famiglia di ebrei polacchi? Sono la trasfigurazione della ferocia nazista? Oppure sono qualcosa d'altro, e di tuttora presente, in grado di colpire ancora? Quando la tragedia si abbatte sulla sua famiglia, Jacob decide di attraversare l'oceano per scoprire il segreto racchiuso tra le mura della casa in cui, decenni prima, avevano trovato rifugio il nonno Abraham e altri piccoli orfani scampati all'orrore della Seconda guerra mondiale. Soltanto in quelle stanze abbandonate e in rovina, rovistando nei bauli pieni di polvere e dei detriti di vite lontane, Jacob potrà stabilire se i ricordi del nonno, traboccanti di avventure, di magia e di mistero, erano solo invenzioni buone a turbare i suoi sogni notturni. O se, invece, contenevano almeno un granello di verità, come sembra testimoniare la strana collezione di fotografie d'epoca che Abraham custodiva gelosamente. Possibile che i bambini e i ragazzi ritratti in quelle fotografie ingiallite, bizzarre e non di rado inquietanti, fossero davvero, come il nonno sosteneva, speciali, dotati di poteri straordinari, forse pericolosi? Possibile che quei bambini siano ancora vivi, e che - protetti, ma ancora per poco, dalla curiosità del mondo e dallo scorrere del tempo - si preparino a fronteggiare una minaccia oscura e molto più grande di loro?


Recensione
Come la volta scorsa sono arrivata a pagina 50 e dopo averci pensato un po' ho deciso di farvi il Pilot di questo libro.
All'inizio non ero molto presa, sono andata avanti perchè non lascio mai un libro dopo poche pagine ... ho fatto bene. Arrivata a pagina 50 posso dire: wow.
Finalmente inizia a succedere qualcosa , finalmente il mio spirito da Holmes viene fuori e si mette in moto per capire cosa sta accadendo.
Non appena lo finirò vi farò come sempre la recensione completa ma nel frattempo vi invito ad iniziarlo o comunque di farlo prima dell'uscita del film (Tim Burton e ho detto tutto).
Lo stile di scrittura è molto elegante e il protagonista , nonostante io non legga molti libri con punti di vista maschili (non so perchè), l'ho adorato, cosa che come sapete non succede spesso.
Spero di finirlo presto, vista la mia curiosità che riguardano delle foto e una lettera ...

- CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Intervista al figo #8 - Mark Carter

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini