Riflessi di Wattpad: Recensione "You belong to my world" by Marika Vangone


Nicholas e Alexandra hanno passato una vita intera insieme. Quattordici anni in cui si sono scelti e amati ogni giorno. E ora che il matrimonio è alle porte, si sentono a un passo dal realizzare tutti i loro sogni. Ma un'ombra inaspettata aleggia sul futuro e il destino corre impetuoso e inarrestabile contro di loro.

You belong to my world è la storia drammatica - romance scritta da Marika Vangone e pubblicata sulla piattaforma Wattpad. Nonché il titolo che, con questa recensione, inaugura la nostra rubrica Riflessi di Wattpad. È composta a oggi di 32 capitoli ed è ancora in corso.

La storia è raccontata tutta in prima persona, ma la voce narrante e il punto di vista cambiano in continuazione, mano a mano che i protagonisti si alternano al microfono. Una soluzione che funziona per praticamente tutta la trama. Tranne quando, per narrare lo stesso evento con punti di vista differenti, si riprendono e ricopiano pari pari spezzoni di capitoli precedenti. Ammetto di aver saltato a pie' pari le parti ripetute perché, a mio parere, rallentano troppo e inutilmente la narrazione e occupano posto, che potrebbe essere usato per arricchire il racconto, senza apportare nulla di nuovo a ciò che è già stato detto. Capisco ovviamente la scelta di riportare con occhi, voci e sfumature diverse uno stesso avvenimento; solo eviterei (e condanno) il fastidioso copia - incolla.
Ogni capitolo, inoltre, è intitolato con il nome di una canzone (di cui vengono citati anche alcuni versi) e diviso in più parti per essere maggiormente completo.

You belong to my world nasce come e resta una storia wattpadiana, ed è da ingenui non vedere come la piattaforma, con le sue caratteristiche intrinseche, influenza la scrittura dei racconti che contiene. Così in You belong to my world troviamo quella brevità tipica di Wattpad, che per sua natura impone che i capitoli non siano troppo lunghi per risultare (maggiormente) leggibili. Certo, dividere i capitoli in più parti è una buona idea per tentare di aggirare l'ostacolo, ma restano comunque dei cambi di opinioni, stato emotivo e situazione che per l'eccessiva rapidità risultano un po' estremi e poco chiari. Ma l'influenza della piattaforma si percepisce anche in altri aspetti.

Poiché permette la pubblicazione di un capitolo alla volta, Wattpad legittima la non progettualità della storia che (diversamente da come accade con un libro edito o pubblicato in self) arriva sotto agli occhi del lettore ancora incompleta e potenzialmente non definitiva. È tutto un altro modo di approcciarsi alla scrittura, alla progettazione e alla revisione.

Sulla scrittura restano poche cose da dire. Si vede sempre la differenza tra un testo che è stato sottoposto a un processo editoriale e uno che invece ne è stato privato. Anche in You belong to my world si può notare la mancanza di questa limatura in alcune sviste da raffinare (alcuni refusi, cadute di tono, delle comparse improvvise del dialetto che stonano con il contesto e l'ambientazione), ma contando che sta facendo tutto da sola, bisogna riconoscere che l'autrice sta facendo il suo meglio ed è evidente che si impegna ogni volta per realizzare un lavoro che sia il migliore possibile. Il che non è affatto scontato, ed è uno sforzo da sottolineare.

You belong to my world è una storia con una sua trama e un proprio percorso che si snoda un passo alla volta, che immerge il lettore nei suoi personaggi spingendolo fin nelle profondità più intime, che ha qualcosa da dire e prende il suo pubblico facendolo appassionare. E come non citare anche la bella copertina realizzata da Esterk21?
Con i suoi lati positivi e gli aspetti negativi, resta piacevole e consigliata. Di cos'altro abbiamo bisogno per convincerci?
Buona lettura!



Commenti

Letture del mese

Tienimi per mano al tramonto- Herman Hesse

Recensione "19 Days" by Old Xian

In piedi, Signori, davanti ad una Donna (William Shakespeare)

Recensione: Il club dei perdenti

Recensione: Tales of Demons and Gods di Mad Snail

Segnalazione: IL NUOVO LIBRO DI JOHN BOYNE - MIO FRATELLO SI CHIAMA JESSICA