Recensione : Traveller di Alexandra Bracken

Etta Spencer non sapeva di essere una viaggiatrice fino al giorno in cui si è ritrovata a chilometri e secoli di distanza da casa sua. Ora, di nuovo sola, in un luogo e in un tempo a lei sconosciuti, derubata dell'unico oggetto in grado di proteggere la linea temporale e salvare sua madre, e lontana da Nicholas, il ragazzo che ama, deve fare i conti con una rivelazione tanto scioccante da mettere in discussione quello per cui lei ha combattuto fino ad ora, e cambiare per sempre il suo futuro. Un futuro che Nicholas è pronto a tutto pur di salvare. Devastato dalla scomparsa di Etta, sta infatti cercando disperatamente di rintracciarla, per aiutarla a risolvere insieme questo disastro, come era destino. Ma, mentre Etta e Nicholas continuano a cercarsi ai confini del tempo e del mondo, e i viaggiatori sono impegnati in una spietata battaglia per il potere, la posta in gioco si alza. Perché esiste qualcosa di ben più potente dell'astrolabio che tutti vorrebbero. Un potere antico e pericoloso che minaccia di sradicare del tutto la linea temporale... 
 Trovate QUI la recensione di Passenger, il primo volume di questa dualogia.

Recensione In questo secondo ed ultimo romanzo della saga, ci vengono presentati i personaggi che avevamo già capito avrebbero avuto un'alta importanza, ai fini della storia.
Principalmente due, si sono rivelati entrambi una piacevole scoperta, mentre venivano approfonditi e svelati segreti di altri individui, assieme ai misteri più arcaici che hanno dato vita alla alla leggenda dell'astrolabio.
Il questo secondo capitolo, però, le vicende vengono messe in secondo piano dai forvianti ragionamenti che ruotano attorno all'oggetto che tutti si sono predestinati di trovare. Nessuno vuole condividere la totale verità, su tale strumento al prossimo, e per tanto ci ritroviamo a pensare che una volta distrutto accadrà una cosa, per rimuginare che accadrà tutt'altro venti pagine dopo.
Le atmosfere e i luoghi descritti sono, comunque, sempre portatori di gran fascino. Il palazzo d'Inverno sembra ancora custode dello Zar e della sua famiglia, Cartagine ancora intatta seppur ormai intraveda la sua distruzione, da parte dei romani. Vi è anche un pizzico di fantascienza, con cui l'autrice avrebbe potuto maggiormente "giocare", invitandoci maggiormente a scorgere gli avvenimenti da lei immaginati, in un'ipotetica linea temporale.
L'amore tra Etta e Nicholas rimane il collante degli avvenimenti e dei vari p.o.v. che si susseguono. Entrambi pensano costantemente l'uno all'altra, seppur divisi, e noi saremmo quindi partecipi del loro struggimento, visitando il doppio, se non più, dei luoghi rispetto al precedente volume.
Avremmo ancora un sacco di azione, di rivelazioni, ma ad un ritmo relativamente più lento e cadenzato dai ragionamenti precedentemente citatati, tanto che più di una volta mi sono domandata se tale avventura non sarebbe stata più elettrizzante se  unicamente vissuta assieme alla ciurma di Nicholas. Infondo, credo che quella prima ambientazione in cui veniamo sbalzati resti la più accurata e accattivante, ma vi avverto, purtroppo non vedremmo Etta tornarvici...
Gli enigmi sulle famiglie dei viaggiatori del tempo, invece, non saranno spesso così entusiasmanti come immagino che l'autrice fosse prospettata, proprio perché, al meno nel mio caso, l'attenzione è più intenzionata a seguire gli sviluppi amorosi e consanguinei, rispetto che le mille teorie, che alla fine si rivelano persino non rilevanti.
Questa è stata una lettura dettata dalle conseguenze di sapere cosa sarebbe accaduto ad Etta e Nicholas, ma non è all'altezza del primo volume.

Lost Inside My Universe

Commenti

  1. Questa duologia mi è piaciuta molto!

    RispondiElimina
  2. Vorrei leggere il primo libro 😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo è stato bellissimo, peccato per il secondo. -Cdl

      Elimina
  3. Non ho ancora avuto modo di leggerlo , ma la mia curiosità è ancor di più dopo aver letto la tua recensione !

    RispondiElimina
  4. Voglio tantissimo leggere questo libro😍

    RispondiElimina
  5. Spesso ho trovato questa duologia in libreria ma, per un motivo o per un altro, alla fine non l'ho mai comprata...
    Ho sentito molti pareri contrastanti però voglio farmi una mia opinione, penso proprio che la leggerò!
    Mi spiace che non ti sia piaciuta molto :(

    P.s. Scusami tanto per lo spam, ma anche io ho un blog, se ti va mi farebbe piacere se passassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anita, passo subito ^-^ e grazie per essere venuta a commentare

      Elimina
    2. Grazie a te! Mi piace molto il tuo blog!

      Elimina

Posta un commento

Letture del mese

Recensione "Le donne di casa Blackwood" by Ellen Marie Wiseman

Intervista - Marco e Fabio gli autori della Berlin Saga si rivelano

Recensione "La coppia quasi perfetta" by John Marrs

Recensione "Te la sei cercata" by Louise O'Neill

Recensione "Ogni giorno come il primo giorno" by Giorgia Penzo

Riflessi di Wattpad: Recensione "Cronache dell'Eclissi - La Gabbia" by ArtemisiaHate