Recensione Pilot: La Profezia di Mezzanotte

Trama: 
Per quattordici, lunghi anni Poppy Hopper ha cercato di ingannare tutti, persino se stessa. Ha finto di essere una ragazza come tante, mentre i gatti la seguivano ovunque, i ragni tessevano tele complicate intorno a lei e gli elementi della natura sembravano rispondere al suo volere. Anche Ember Hawkweed ha sempre fatto di tutto pur di sentirsi normale: una normalissima strega come le altre. 
Ma se le sue amiche eccellevano nelle arti magiche, creando pozioni e incantesimi, lei riusciva solo a preparare unguenti e bolle di sapone. Quando Poppy ed Ember si incontrano, però, le cose cambiano. Le due ragazze capiscono subito di essere più simili di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Entrambe sanno di non appartenere al mondo in cui vivono, ed entrambe vogliono scoprire la verità.
Chi sono realmente? 
Quale legame misterioso le unisce? Insieme, Poppy ed Ember sono pronte a qualsiasi cosa pur di trovare le risposte che cercano. Anche ad affrontare una pericolosa profezia che affonda le radici nella notte dei tempi. 

Recensione Pilot:
Sono esattamente a metà romanzo, e prima che vi dimentichiate della sua esistenza (la segnalazione l'abbiamo fatta tempo fa), volevo dirvi che lo sto leggendo. 
Il mio parere al momento è assolutamente positivo. 
Già dalle prime righe sono stata trasportata all'interno della storia e sono stata spinta, grazie ad uno stile fresco ma mai banale, a continuare. Spero che il resto del libro sia come questa prima metà, in quel caso "La profezia di Mezzanotte" entrerà di diritto nella mia top di fine anno conquistandosi uno specchio speciale. 
Nonostante dalla trama sembrasse un libro per bambini sono rimasta piacevolmente sorpresa quando ho scoperto che ero fuori strada. 
Questo libro si può leggere sempre. 
A 10 anni come a 90.

Recensione Copertina:
No. No. Ancora no... 
Allora la copertina dell'edizione italiana mi piaceva. Colorata e con una bella grafica... però sembrava la copertina di un libro per bambini e non l'avrei mai comprato di mia spontanea volontà. 
Ho fatto una ricerca e ho trovato la versione originale della copertina. 
Tutta un'altra cosa. 
Nonostante l'impostazione sia quasi la stessa,trovo che i colori usati siano più pertinenti con il libro e con la fascia d'età cui egli si rivolge. 
Speriamo bene per i seguiti o un'eventuale ristampa. 

Non vedo l'ora di dirvi di più...
-CuorediInchiostro

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini

Il Silenzio - poesia e musica.