Recensione Oceania

Il nuovo film targato Disney ed uscito nelle sale cinematografiche Italiane il 22 Dicembre 2016 mi ha lasciato una strana sensazione. A dispetto di molti altri film di questo genere, Oceania mi è relativamente piaciuto. 


La storia si sviluppa nell'isola Polinesiana di Motunui dove incontriamo subito la protagonista, Vaiana. Quest'ultima la vediamo impegnata ad ascoltare le leggende raccontate dalla nonna ed a cacciarsi nei pasticci fin da subito, per poi saltare avanti nel tempo, fino ad un momento di grande difficoltà per l'isola in cui Vaiana è cresciuta e destinata a diventare protettrice. L'isola è difatti circondata dal reef (un grosso anello composto di onde che respingono qualsiasi tentativo di uscire in mare aperto) ed all'interno di esso, improvvisamente e misteriosamente inizia a scarseggiare il pesce, oltre che a morire la vegetazione nonché i raccolti. Decisa a salvare la sua isola, Vaiana comprende di dover cercare la causa di questa carestia all'infuori del reef, anche a costo di mettersi contro il suo stesso padre. 

Come ogni classico film Disney che si rispetti, il film è ricco di momenti musicali che nella versione Italiana sono interpretati da Chiara Grispo (Ogni mio passo, Oltre l'orizzonte, Io sono Vaiana e Tu sai chi sei), Luca Velletri (La strada di casa), Fabrizio Vidale (Tranquilla!), Raphael Gualazzi (Lo splendente Tamatoa) e Sergio Sylvestre in collaborazione con Rocco Hunt (Prego). 

Nel complesso il film è molto piacevole e le canzoni sono molto carine, però rimane la sensazione che manchi un nemico principale come invece è consueto nei film Disney (Scar per Il Re Leone, gli Unni per Mulan e via dicendo), ma forse è solo l'aver perso il tipico disincanto dei bambini che mi ha impedito di rimanere incollata allo schermo e continuare a guardarlo senza accorgermi di questo particolare. Il film è scorso troppo velocemente e mi sono ritrovata alla fine senza aver ben capito in quale momento le cose sono diventate serie per la protagonista. 

Per concludere, è un film adatto a riempire un pomeriggio sfaccendato, ma non sufficiente ad essere ricordato come tanti altri film Disney che sono tuttora ben stabili nei ricordi di grandi e piccini.

~Newt



Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale

News: Hybrid's Legacy Saga - Contest Fotografico