Cuore e anima - la mia (seconda) esperienza a Londra.

Cuore e anima.

Si sa, le cose belle finiscono (purtroppo) e quando finiscono si crea un vuoto. E' incredibile però come un viaggio ti riempie così tanto. Vi è un contrasto ben evidente, vuoto/pieno. Perché è così, quando viaggi ci metti anima, cuore e corpo, e quando torni sei diversa, cresciuta, hai qualcosa in più, il tuo bagaglio della vita si appesantisce ma è sempre più leggero da portare. Non so se mi sono spiegata bene, è così che vedo queste cose.
Tutto questo perché sono appena tornata dalla città dei miei sogni. C'ero già stata e questa volta come quella precedente, ci ho lasciato il cuore. Scommetto che avete già indovinato di quale sto parlando. Londra. Difatti non è semplice stare qui a scrivere, lo faccio soprattutto per chi di voi non ha ancora avuto la possibilità di andarci.
Una speciale compilation di Spotify ha accompagnato una delle settimane più belle della mia vita, All Time Low, Oasis, Lukas Graham, Avril Lavigne.. (chissà che c'entra con quello che devo dirvi ma ci stava bene). Aerei rotti e voli cancellati mi hanno subito buttato giù di morale, il nervosismo mi ha fatto credere più di una volta di voler lasciare tutto e tornare a casa mia. Il sangue freddo di chi mi ha accompagnata ha fatto sì che pure io mantenessi la calma. Ma cos'è un'esperienza senza qualche ostacolo?
Abbiamo visitato praticamente tutta la città, camminando circa 15km al giorno, mangiando fish and chips per la strada e facendo shopping nei negozi londinesi più famosi. Dal Tower Bridge a Buckingham Palace, il British Museum e la casa di Sherlock Holmes. E gli scoiattolini a St James' Park. Per non parlare di tutti i luoghi potteriani della città. Anche se ci ero già stata, sono tornata al The Making of Harry Potter. Poter vedere tutti gli oggetti di scena utilizzati, come sono riusciti a creare gli animali fantastici e i costumi. Per non parlare della stazione di King's Cross e del Palace Theatre. Un sogno, inutile dirvi che mi sono emozionata appena entrata.
Anche questa volta ho trovato un tempo splendido, ha piovuto un giorno solo ma ahimè si parla di Londra, siamo partiti preparati. Soldi in tasca e tanta voglia di sognare, ci siamo goduti ogni singolo momento, ogni singolo posto. Nonostante i primi intoppi, abbiamo saggiamente deciso di imparare e crescere.

Vi dico una cosa. Acquistate i biglietti, correte o scappate se necessario, andateci e innamoratevi!


 -wonderful fragment°


Commenti

Letture del mese

Recensione "Once Upon A Zombie - Il colore della paura" by Billy Phillips e Jenny Nissenson

Recensione "The Dark Hunt - Il Tempio degli Abissi" by Julia Sienna

Recensione "I figli della tempesta" by Francesca Noto

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Review Party: "Dream hunters - Il ponte illusorio" by Myriam Benothman

Blog Tour - Ad ogni costo