Recensione Cuore di Ciccia - Susanna Tamaro

TRAMA: 

Michele è un bimbo di otto anni, costantemente affamato e per questo spesso redarguito dalla madre, malata di fitness. Quest'ultima tenta di mettere a dieta stretta il bambino, aiutata dall'ex marito che l'assiste nel sottoporre Michele alle diete estenuanti che lei stessa inventa. Purtroppo però, Michele ingrassa ancora di qualche etto ed i genitori lo fanno entrare in un istituto specializzato pur di farlo dimagrire. 



***

Album in riproduzione: 25 - Adele [2015]

Appena aperto il pacco mi sono ritrovata un po' perplessa e sconsolata. Ho letto qualcosa di Susanna Tamaro in passato, ma non mi è piaciuto granché, al punto da non ricordare quasi nulla di quanto ho letto e neppure il titolo, vedendo perciò l'autrice ho temuto che la lettura potesse essere estremamente noiosa, almeno per me. Fortunatamente, mi sbagliavo. Il libricino oltre ad essere molto corto e ricco di grossi disegni, è anche scritto molto in grande (perlomeno nella mia copia), perciò è stato relativamente poco il tempo speso per leggere questo libro. Cuore di Ciccia è un libro edito nel 1992, che sebbene possa sembrare una storiella per bambini ha un significato ben più profondo e che probabilmente moltissimi adulti dovrebbero leggere per comprendere meglio il proprio figlio. La parte iniziale, quando Michele viene rimproverato dalla madre per i chili presi è tremendamente triste (forse perché mi ricorda un po' me ahah). Da una parte si chiamerebbero volentieri le autorità per quell'antipatica della madre, ma dall'altra si acchiapperebbe quel bambino teneroso e lo si lascerebbe a rimpinzarsi come non mai. Ma passiamo alla parte pratica: il racconto è tutto dal punto di vista del bambino, perciò ci affidiamo ai suoi racconti ed al suo pensiero di quello che vorrebbe la madre per lui ed ovviamente un bambino di otto anni difficilmente arriva a comprendere da solo che non lo si vuol far dimagrire per chissà quale capriccio, ma per motivi di salute principalmente, ma allo stesso tempo vediamo che nemmeno la madre fa nulla per fargli capire come stanno le cose realmente al punto da riportarci alla partenza con il bambino che lasceremmo ingrassare e la madre che pare cattiva oltre ogni modo. In conclusione, quindi, Cuore di Ciccia è un libro piacevole, che può venir letto ad ogni età, in ogni caso si riuscirà a trarre una lezione importante sul rapporto che si hanno con alcune persone, leggendo tra le righe qualcosa che è però decisamente evidente, riuscendo anche a godersi qualche oretta in compagnia di un buon libro.

~Newt


Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale