Anti-stepbrother by Tijan

Mi ha detto di "calmarmi".
Mi ha chiesto se "qualcosa non andasse in me?"
Mi ha detto che ero "un facile bersaglio".
Questo è accaduto, in pochi minuti, la prima volta che ho incontrato Caden Banks.
L'ho etichettato uno *tronzo, ma lui era molto più di quello. Arrogante. Compiaciuto di sè. Alpha.

Era anche bello da morire, e facente parte della stessa confraternita del mio fratellastro.

Okay, sì, ero un pò ingenua, un filo socialmente imbarazzante, e con una piccola quantità di stalker in me, ma se Caden Banks pensava di potermi dire cosa fare, allora si sbagliava di grosso.

Sono venuta al college fantasticando di mettermi con il mio fratellastro, ma cosa accadrebbe se invece divenissi anti- fratellastro?


Se pensate di esservi imbattuti in un romanzo poco originale, di cui date già per scontato il finale, allora vi sbagliate.
Questo romanzo porta un "Anti" grosso come una casa, dinanzi alla parola su cui maggiormente vi siete soffermati.
Summer per tanto, per quanto provi forti sentimenti per Kevin, dovrà riuscire ad uscire dalla sua ombra.
Facile? Proprio per nulla. Una cotta che si protrae da anni, che si è insediata nella sua famiglia, che frequenta il suo stesso college, ed è stra popolare ... aggiungete al tutto che cambia ragazza ogni sei mesi.
Ma Summer è la sua sorellastra. Dovrebbe avere una marcia in più se non nel conquistarlo, quanto meno ad aprire gli occhi. È qui che arriverà Canden.
Bello, popolare, un nome di una certa importanza nel campus, e per tanto irraggiungibile per Summer.
O almeno questo è il pensiero di tutti.
Summer nella prima parte del libro non esprime appieno il suo potenziale. Sembra la classica ragazza, alquanto persa, appena giunta al college, ma appena acquista un po' di sicurezza esplode.
È vivace, ironica, tanto che sembra sempre prendere in giro il prossimo a primo acchito, intelligente e sensibile.
E pazza quanto basta, o quanto sia necessario perché lei lo creda.
L'autrice è veramente brava nel farcela conoscere ed apprezzare. 
Le amicizie in questo romanzo assumono connotati un po' estremi in certe situazioni, ma  è facile per altri aspetti immaginarle nella realtà. Avery è l'amica più leale che si possa avere ed è la prima a soffrirne, successivamente. La stessa Summer sa all'inizio che questa l'ha avvicinata per pietà, ma lotta. Lotta per trovare il suo posto nel nuovo mondo in cui è giunta, per non restare sola, per divertirsi e inseguito per ricordare. Il modo in cui verrà spiegato e poi analizzato il trauma che si porta appresso pare quasi sbrigativo, soprattutto se non ci si è mai passati. Provare però a dimenticare qualcosa è impossibile, e l'autrice è brava a far tornare in superficie i traumi di Summer, ovviamente al momento meno opportuno. Forse in modo anche qui romanzato, ma non poi così inverosimile.
Coronate il tutto con quello che facilmente si potrebbero definire gli elementi di un classico romanzo americano: risse, triangoli amorosi senza fine, famiglie allo sfascio ad ogni angolo, situazioni mai affrontate che riemergono, amicizie che non sono tali ma solo un ingarbugliata vicenda di tradimenti, ragazzi belli da morire e ovviamente un fratellastro di troppo.
Finito questo romanzo sono corsa a cercarne altri di Tijan , questo romanzo è autococlusivo, ma ha scritto moltissime serie che non vedo l'ora di iniziare.

Lost Inside My Universe

QUI la trama originale in inglese, mi scuso per eventuali errori di traduzione.

Commenti

Letture del mese

Recensione "Once Upon A Zombie - Il colore della paura" by Billy Phillips e Jenny Nissenson

Recensione "The Dark Hunt - Il Tempio degli Abissi" by Julia Sienna

Recensione "I figli della tempesta" by Francesca Noto

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Review Party: "Dream hunters - Il ponte illusorio" by Myriam Benothman

Blog Tour - Ad ogni costo