IL DIALOGO DI FEDERICO RUYSCH E LE SUE MUMMIE - Operette Morali - Leopardi

Oggi voglio recensire un altro testo delle Operette Morali di Leopardi, un testo che mi è sembrato simpatico, si badi, non gioioso!
Il dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie.
In questo dialogo incontriamo la figura di questo imbalsamatore Olandese il quale viene buttato giù dal letto in piena notte da un macabro coro. Capendo che a cantare erano proprio le sue mummie Federico prova un grande spavento, immaginando che avrebbero potuto fargli del male. Decide dunque di difendersi apostrofandole per primo: “Dunque che è cotesta fantasia che vi è nata adesso, di cantare?”, e da qui comincia un dialogo dai toni ironici che diviene però più tenue e malinconico nel finale.
Il tutto è presentato come un’opera teatrale indicando gli spostamenti dei personaggi, le entrate o uscite di scena.
Analizziamo ora per gradi le tematiche affrontate nel brano.
Dapprima la lugubre e malinconica canzone dei morti, un componimento in rima di settenari e endecasillabi, nella quale si richiama il fondamento base del pensiero leopardiano: l’infelicità umana.
Lo vediamo in particolare nei versi ripetuti all’interno della canzone: nostra ignuda natura, lieta no ma sicura dell’antico dolor.
Le tematiche del dialogo invece sono tutte a proposito della dinamica della morte.
Le mummie, rispondendo alle domande del Ruysch, spiegano che la morte non è dolorosa, che sopraggiunge per gradi, e senza che ce se ne accorga, così come avviene con il sonno. L’anima semplicemente fuoriesce dal corpo, non vi è una rottura, e dunque qualcosa che possa provocar dolore.

Ciò che mi è piaciuto in questo brano è il confronto tra le più profonde e umane paure, presentate attraverso il discorso del Ruysch che vanno a confrontarsi con la morte stessa. Il tutto è presentato con toni malinconici e pacati, come a voler diffondere una certa tranquillità che rispecchia il fine ultimo del pensiero leopardiano: la vita non è e non può essere felice, e la morte può essere il solo completo rimedio alla sofferenza e la noia.
Ovviamente è un pensiero eccessivo nella mia ottica, ma quello che mi ha colpito è l’ingegnosa idea del brano, i toni ironici iniziali nell’assurdo dialogo tra le mummie e il protagonista, con tanto di freddure come ad esempio i morti che chiedono di non essere ammazzati, e la pacata malinconia finale nell’assimilazione della morte alla dolcezza del sonno.


-Iris-

Commenti

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Dream Magic" by Joshua Khan

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale