Recensione: DeathDate di Lance Rubin

Trama
Denton Little ha diciassette anni e una sola certezza: morirà la notte del ballo di fine anno. Ma – escluso il pessimo tempismo – nulla di strano. Perché il mondo di Denton funziona così: tutti conoscono la data della propria morte, e tutti aspettano il fatidico momento contando i minuti. Per questo, fino a oggi, la vita di Denton è stata piuttosto normale: la scuola, gli amici e Taryn, la fidanzata. Ma ora mancano due giorni al ballo... e Denton sente di non avere più un secondo da sprecare. Non soltanto perché vuole collezionare più esperienze possibili in meno di quarantotto ore – la prima sbronza, la prima volta, e il primo tradimento – ma anche perché le cose sembrano essersi improvvisamente complicate. Chi è l’uomo sbucato fuori dal nulla che dice di avere un messaggio da parte di sua madre, morta ormai da molti anni? È soltanto un pazzo? E allora perché suo padre ha iniziato a comportarsi in modo tanto bizzarro? D’un tratto le ultime ore di Denton Little si trasformano in una corsa contro il tempo, una disperata ricerca della verità. E forse di una via d’uscita.

Recensione

Avevo visto questo libro in giro, ma la trama non mi intrigava più del dovuto. L'ho riletta poi con calma e ... mi è piaciuta. 
DeathDate , la data della morte. 
Chi non vorrebbe saperlo? 
Questo libro immagina un futuro non troppo lontano dove è possibile scoprire esattamente quando morirai , così da poter fare tutto ciò che avresti sempre voluto e togliere ogni rimpianto. 
Sembra un bene , no?
Non lo è. 
L'essere umano vivrebbe in costante attesa di quel momento, finendo per impazzire e magari distruggersi e il governo ammazzerebbe pur di dimostrare ai cittadini che ha ragione (un po' come succede oggi da qualche parte del mondo). 
Oltre al mio concetto di vita ( anzi di morte), parliamo del libro. 

Stile: Mi aspettavo un libro dallo stile semplice e così è stato, ma questa non è una nota negativa. Il protagonista è un ragazzo di diciassette anni quindi i suoi modi sono propri della sua età. L'ho trovato un libro scorrevole e mai noioso ( non ho dormito per finirlo) e con un finale che mi aspettavo si, ma in maniera diversa da come è stato reso (quindi sorprese per me). 


Personaggi: Mi sono piaciuti tutti, in modi diversi. Per capirli però dovreste leggere il libro, altrimenti vi direi troppo. Sappiate solo che nessuno è messo lì tanto per riempire i buchi, ma servono tutti (  e non sto scherzando) ai fini della storia. 


Ambientazioni: Luoghi semplici, facilmente immaginabili, aiutano il lettore a sentirsi subito a proprio agio. Non si deve fare altro che leggere per essere con Denton e i suoi amici. Ogni luogo descritto è importante per lui che deve vivere il suo ultimo giorno (in realtà gli ultimi due), tutti luoghi che l'hanno fatto crescere e diventare il ragazzo che è (Colui che avrebbe potuto fare Grandi Cose". 


Non vi dico altro per non rovinarvi la lettura, vi spiegherò solo il perchè del voto che sto per dargli. 
Quattro specchi e mezzo. 
Perchè?
Se avessi scritto la recensione subito dopo averlo finito avrei lanciato a caso specchi speciali per via dell'euforia. Il libro è meraviglioso certo ma c'è un seguito e magari verrò delusa o magari no ... così meglio tenere i piedi per terra ed aspettare.




- CuorediInchiostro

Commenti

  1. A me è piaciuto e mi ha entusiasmato, quindi voto pieno. Quando un libro mi prende e mi incurosisce lancio cuoricini senza freni... non capita spesso ma quando succedede <3<3<3<3<3

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    Io ho recentemente finito Deathdate e l’ho trovato parecchio gne. Una storia originale, ma inverosimile, perché è impossibile prevedere il destino di una persona analizzandole semplicemente il sangue, suvvia, condita da dei triangoli amorosi fastidiosissimi a mio parere. L’unica cosa che salvo è l’umorismo di Denton che dà senso all’intero libro, senza dubbio. Diciamo che come esordio non è folgorante, ma è abbastanza gradevole.
    Poi solo a me pare che nelle ultime 100 pagine il nostro Lance si sia messo a scrivere di fretta, di frettissima?
    Trovi il mio parere “esteso” qui se vuoi dargli un’occhiata :3.
    Rainy

    RispondiElimina

Posta un commento

Letture del mese

Recensione "Once Upon A Zombie - Il colore della paura" by Billy Phillips e Jenny Nissenson

Recensione "The Dark Hunt - Il Tempio degli Abissi" by Julia Sienna

Recensione "I figli della tempesta" by Francesca Noto

Recensione Multipla "Caraval" by Stephanie Garber

Review Party: "Dream hunters - Il ponte illusorio" by Myriam Benothman

Blog Tour - Ad ogni costo