Recensione: DeathDate di Lance Rubin

Trama
Denton Little ha diciassette anni e una sola certezza: morirà la notte del ballo di fine anno. Ma – escluso il pessimo tempismo – nulla di strano. Perché il mondo di Denton funziona così: tutti conoscono la data della propria morte, e tutti aspettano il fatidico momento contando i minuti. Per questo, fino a oggi, la vita di Denton è stata piuttosto normale: la scuola, gli amici e Taryn, la fidanzata. Ma ora mancano due giorni al ballo... e Denton sente di non avere più un secondo da sprecare. Non soltanto perché vuole collezionare più esperienze possibili in meno di quarantotto ore – la prima sbronza, la prima volta, e il primo tradimento – ma anche perché le cose sembrano essersi improvvisamente complicate. Chi è l’uomo sbucato fuori dal nulla che dice di avere un messaggio da parte di sua madre, morta ormai da molti anni? È soltanto un pazzo? E allora perché suo padre ha iniziato a comportarsi in modo tanto bizzarro? D’un tratto le ultime ore di Denton Little si trasformano in una corsa contro il tempo, una disperata ricerca della verità. E forse di una via d’uscita.

Recensione

Avevo visto questo libro in giro, ma la trama non mi intrigava più del dovuto. L'ho riletta poi con calma e ... mi è piaciuta. 
DeathDate , la data della morte. 
Chi non vorrebbe saperlo? 
Questo libro immagina un futuro non troppo lontano dove è possibile scoprire esattamente quando morirai , così da poter fare tutto ciò che avresti sempre voluto e togliere ogni rimpianto. 
Sembra un bene , no?
Non lo è. 
L'essere umano vivrebbe in costante attesa di quel momento, finendo per impazzire e magari distruggersi e il governo ammazzerebbe pur di dimostrare ai cittadini che ha ragione (un po' come succede oggi da qualche parte del mondo). 
Oltre al mio concetto di vita ( anzi di morte), parliamo del libro. 

Stile: Mi aspettavo un libro dallo stile semplice e così è stato, ma questa non è una nota negativa. Il protagonista è un ragazzo di diciassette anni quindi i suoi modi sono propri della sua età. L'ho trovato un libro scorrevole e mai noioso ( non ho dormito per finirlo) e con un finale che mi aspettavo si, ma in maniera diversa da come è stato reso (quindi sorprese per me). 


Personaggi: Mi sono piaciuti tutti, in modi diversi. Per capirli però dovreste leggere il libro, altrimenti vi direi troppo. Sappiate solo che nessuno è messo lì tanto per riempire i buchi, ma servono tutti (  e non sto scherzando) ai fini della storia. 


Ambientazioni: Luoghi semplici, facilmente immaginabili, aiutano il lettore a sentirsi subito a proprio agio. Non si deve fare altro che leggere per essere con Denton e i suoi amici. Ogni luogo descritto è importante per lui che deve vivere il suo ultimo giorno (in realtà gli ultimi due), tutti luoghi che l'hanno fatto crescere e diventare il ragazzo che è (Colui che avrebbe potuto fare Grandi Cose". 


Non vi dico altro per non rovinarvi la lettura, vi spiegherò solo il perchè del voto che sto per dargli. 
Quattro specchi e mezzo. 
Perchè?
Se avessi scritto la recensione subito dopo averlo finito avrei lanciato a caso specchi speciali per via dell'euforia. Il libro è meraviglioso certo ma c'è un seguito e magari verrò delusa o magari no ... così meglio tenere i piedi per terra ed aspettare.




- CuorediInchiostro

Commenti

  1. A me è piaciuto e mi ha entusiasmato, quindi voto pieno. Quando un libro mi prende e mi incurosisce lancio cuoricini senza freni... non capita spesso ma quando succedede <3<3<3<3<3

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    Io ho recentemente finito Deathdate e l’ho trovato parecchio gne. Una storia originale, ma inverosimile, perché è impossibile prevedere il destino di una persona analizzandole semplicemente il sangue, suvvia, condita da dei triangoli amorosi fastidiosissimi a mio parere. L’unica cosa che salvo è l’umorismo di Denton che dà senso all’intero libro, senza dubbio. Diciamo che come esordio non è folgorante, ma è abbastanza gradevole.
    Poi solo a me pare che nelle ultime 100 pagine il nostro Lance si sia messo a scrivere di fretta, di frettissima?
    Trovi il mio parere “esteso” qui se vuoi dargli un’occhiata :3.
    Rainy

    RispondiElimina

Posta un commento

Letture del mese

Recensione "Era una moglie perfetta" by A. J. Banner

Recensione "Window Beyond the Window" by Lee Aru

Recensione "Lo spazio tra le stelle" by Anne Corlett

Recensione: I capolavori di H.G. Wells

Recensione "Ogni cosa a cui teniamo" by Kerry Londsale

News: Hybrid's Legacy Saga - Contest Fotografico