Recensione - Il Suggeritore. di D.Carrisi

«Il male a volte ci inganna assumendo la forma più semplice delle cose.»

Premetto con dire che Il Suggeritore è il primo libro che Carrisi scrive che ha come protagonista Mila Vasquez. Vi avevo già parlato de L'Ipotesi del Male, che è il sequel, ma non preoccupatevi perché i due libri hanno in comune solo la protagonista. Non serve leggerli in ordine. Quindi...buon viaggio!

Trama:
Mila Vasquez, specializzata nella ricerca di persone scomparse, viene ingaggiata da una squadra omicidi con l'intento di risolvere un grosso caso che si ritrovano tra le mani. Un serial killer rapisce delle bambine ma il suo scopo rimane ignoto fino al termine del romanzo. Sei sono le bambine scomparse, una soltanto viene tenuta in vita dal mostro. Ed è proprio questo il ruolo di Mila: trovare la sesta bambina. Mentre le braccia sinistre delle bambine e i corpi vengono lasciati in luoghi specifici dall'assassino per far sì che vengano trovati, la squadra si mette all'opera per fermare questo brutale incubo e per far sì che le famiglie abbiano giustizia, dato che il mostro vuole proprio colpire quest'ultime.

Con questo secondo romanzo Carrisi mi ha chiarito molto le idee. Nell'ultimo mese ho avuto una sorta di “blocco del lettore” e non riuscivo a leggere nulla. Sono andata in libreria a prendere dei libri per vedere di sbloccare la situazione e ho iniziato questa storia. E finalmente sono tornata a leggere. Proprio perché Carrisi ha, a mio parere, una penna (?) fluida e solare, benché la storia sia oscurata da ombre e buio. E' avvincente, si fa fatica a staccare gli occhi dalle pagine ed è pieno di colpi di scena. Per chi ama i thriller, questo è ottimo. Non si riesce a respirare un attimo, l'autore non lascia spazio alla fantasia del lettore, in quanto svela quasi subito ogni dubbio che lo assale. Di fatti, si svolge tutto velocemente, senza che si possa anche solo pensare “che noia questo libro”. Esattamente come accade in L'Ipotesi del Male
Beh ragazzi/e non c'è molto da dire se non che dovete assolutamente leggere questa storia ed inoltrarsi dentro di essa. Non vi deluderà (spero!), promesso. Prometto anche che la prossima volta non avrete una recensione di un giallo.
Naturalmente, come sempre, fatemi sapere se leggerete questo libro, al quale aggiudico quattro specchi e mezzo, e cosa ne pensate. Passo e chiudo×



-wonderful fragments°

Commenti

Letture del mese

Recensione "La canzone di Achille" by Madeline Miller

Intervista al figo #8 - Mark Carter

Recensione "Avialae" by Lucid

Recensione "Nothing Tastes as Good" by Claire Hennessy

Novità in libreria - Les Flaneurs Edizioni

Recensione doppia "Recessive" by Irene Grazzini